laRegione
10.08.22 - 05:30

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?

alo-presidente-il-richiamo-bolivariano-di-alessandro-speziali
Keystone
Un classico

Ogni domenica, dal 23 maggio 1999 fino al 29 gennaio 2012, Hugo Chávez rispondeva in diretta alle telefonate dei cittadini, annunciava atti di governo e dava istruzioni ai suoi ministri. All’inizio solo in radio, col tempo anche in televisione. La trasmissione durava circa sei ore e si chiamava ‘Aló Presidente’. Un classico della "revolución" venezuelana.

Non sappiamo se questo sia il modello che ha ispirato Alessandro Speziali e il suo partito liberale, ma il richiamo ‘bolivariano’ della sua locandina ‘Diglielo al Presidente!’ è incontestabile… L’ambientazione, tuttavia, ha ben poco di caraibico: Speziali seduto sulle scalinate di un bel rustico con l’abbigliamento giusto – gilet e scarpe da buon montanaro –, che invita la popolazione a una "chiacchierata sul Plr e sul Medrisiotto". Offrirà pure ai suoi ospiti le sue famose costine, di cui ha da poco svelato il custodito segreto della marinatura? Sarà questa la prima tappa di un tour che lo porterà in giro per tutto il Ticino? Ma la vera domanda è: se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
19 ore
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
2 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
2 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
4 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
5 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
5 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
6 gior
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
1 sett
Valera è la cosa giusta
Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
© Regiopress, All rights reserved