laRegione
18.07.22 - 08:38
Aggiornamento: 12:17

Prima i nostri orbaniani

Pur di attaccare Berna, Lorenzo Quadri si aggrappa alle posizioni del fascista magiaro Viktor Orbán sulle sanzioni alla Russia. Non benissimo

prima-i-nostri-orbaniani
(Keystone/Ti-Press)

"E naturalmente i camerieri di Bruxelles nel governicchio federale sono corsi ad imitare gli eurobalivi, riprendendo con il copia-incolla tutti i pacchetti di sanzioni. Il prezzo lo pagano i cittadini svizzeri". Sui social Lorenzo Quadri rilancia così le critiche alle sanzioni contro Mosca del primo ministro ungherese Viktor Orbán, famigerato xenofobo, omofobo ed esplicito difensore di quella che lui stesso definisce "democrazia illiberale" (nota per i distratti: si legge fascismo). Un ceffo secondo il quale rintuzzare l’invasione dell’Ucraina almeno attraverso la leva economica equivarrebbe a "spararsi nei polmoni": fosse stato Matteo Salvini avrebbe citato parti del corpo un po’ più in basso, ma dalla facile rima. Finalmente sappiamo cosa fa la Lega dei Ticinesi, quando non è troppo occupata a inventarsi sindacati fasulli per spremere i frontalieri e aggirare leggi che lei stessa aveva approvato: pur di attaccare Berna, si aggrappa a chi stupra lo Stato di diritto e fa il gioco imperialista di Vladimir Putin. Quand’è che tutto questo cesserà di sembrarci normale?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
11 ore
A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza
L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr.
IL COMMENTO
2 gior
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
3 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
4 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
6 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 sett
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 sett
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
© Regiopress, All rights reserved