laRegione
11.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 12:01

Joseph Blatter, il signore degli anelli

Sepp come Gollum, logorato dal potere, è oggi un piccolo ometto giallastro e gobbo che attraversa le strade di Bellinzona con passo ansimante

joseph-blatter-il-signore-degli-anelli
Ti-Press
L’alter ego del mitico personaggio di Tolkien

Il potere logora. Quello dell’anello e anche quello del pallone. Chiedetelo a Gollum, oppure a Joseph Blatter. Infatti a vedere l’ex patron della Fifa, oggi un piccolo ometto giallastro e gobbo che attraversa le strade di Bellinzona con passo ansimante, è difficile non pensare al mitico personaggio di Tolkien. Che poi Sepp, chiamato a rispondere davanti alla Corte del Tribunale penale federale per una presunta tangente di due milioni di franchi da lui concessa a Michel Platini, continui a ripetere di non sapere "perché ci troviamo in quest’aula" fa sorgere il dubbio: non si starà mica giocando la carta della demenza senile? "Il mio tesoro", soleva ripetere Sméagol (il vero nome di Gollum) piagnucolante, una volta spossessato dall’anello che aveva il dono di rendere invisibile colui che lo indossava. Durante il suo lungo mandato, l’ex numero uno della Fifa avrebbe invece reso "invisibili" somme ingenti di denaro, mentre gettava le basi di ciò che, col tempo, avrebbe consentito al mondo del calcio di diventare un business piuttosto oscuro, immenso e infame. Come le terre di Mordor.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
2 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
2 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
3 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
4 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
5 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
6 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
6 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
© Regiopress, All rights reserved