laRegione
08.06.22 - 05:20
Aggiornamento: 18:25

I ‘comunisti’ ticinesi tra Marx e Abatantuono

Il segretario politico Massimiliano Ay giustifica di nuovo la guerra russa, con argomenti che ricordano più Attila che i classici del marxismo

i-comunisti-ticinesi-tra-marx-e-abatantuono
YouTube

"Viuuulenza!". I comunisti ticinesi giocherellano con le solite frasette da catechismo marxista-leninista – la caduta tendenziale del saggio di profitto, la lotta di classe, la contraddizione primaria – eppure il loro filosofo di riferimento viene dalla Daunia più che da Treviri. È Diego Abatantuono, quello di Attila: "A come atrocità, doppia T come terremoto e tragedia..." Non si spiega altrimenti il ciclostilato del compagno Ay, che su ‘Sinistra.ch’ illustra come la guerra sia inevitabile per l’affermazione del multipolarismo. Dopotutto la Russia deve rispondere al "colpo di Stato banderista" e se qualcuno non ci sta, beh, allora gli toccano le bombe: "L’uso della forza non è più un tabù e soprattutto non è più un monopolio degli Usa, dell’Ue e dei loro alleati". D’altronde "persino in Ticino abbiamo avuto una rivoluzione liberale-radicale a suon di cannonate", ci ricorda Ay dal suo Comintern, in cui le nebbie dell’ideologia sono talmente fitte che non si distingue più Monte Carasso dal Donbass. Chissà poi se i socialisti si decideranno a prendere le distanze da certe tribù. "Non sento una vocina stridula…".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
7 ore
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
2 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
3 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
3 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
4 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
5 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
6 gior
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 sett
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
© Regiopress, All rights reserved