laRegione
mps-fiat-sinistra-et-pereat-mundus
Flickr
Corrado Guzzanti imita Fausto Bertinotti
31.01.22 - 10:20
Aggiornamento: 15:47

Mps, fiat sinistra et pereat mundus

Bocciatura della sperimentazione per superare i livelli: un assist alla destra da parte di un’estrema sinistra in fissa con la purezza ideologica

“Il nostro no era diverso, era di sinistra”. Dixit Pino Sergi, per spiegare l’inspiegabile: il no del Movimento per il socialismo alla sperimentazione del superamento dei livelli, solidale nell’esito al rifiuto della destra. A prescindere dal caso specifico – un progettino circoscritto, prudente e sensato, affossato dal legislativo (anche) per dispetto e livore – il Bertinotti di casa nostra un merito ce l’ha: è riuscito a riassumere in una sola frase gli ultimi cinquant’anni di sinistra europea. Anni in cui partitini, gruppetti e fazioni si sono scannati tra loro nella cristallina convinzione di essere più puri, più veri – più ‘di sinistra’, appunto – di tutti gli altri, in una sorta di eterna occupazione liceale, ma senza le chitarre, parecchio stempiata e con l’ideologia a ottundere i cervelli al posto delle canne. Un concorso d’intransigenza in cui ciascuno incipria il suo egocentrismo col talco mentolato delle nostalgie rivoluzionarie, e pazienza se così si contribuisce a spostare l’ago della bilancia verso le scimmie urlatrici del populismo più truce. L’importante è distinguersi dall’“altra famiglia della sinistra” (sempre Sergi): fiat sinistra et pereat mundus.

Leggi anche:

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
scuola sinistra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved