laRegione
non-gioco-piu-vado-a-casa-l-ultradestra-piangina-e-la-tivu
‘Per un’informazione parziale’. Carino, il lapsus freudiano
29.11.21 - 07:14
Aggiornamento: 15:31

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi

“Non gioco più, basta, vado a casa”. L’estrema destra ce la immaginiamo spesso gagliarda e volitiva, pronta a picchiare con mascelluto prognatismo contro i muri della realtà. Se per esempio ti chiamano alla tivù a parlare di Covid pass e vaccini, spari una serie di scempiaggini e te lo fanno notare, non è che ti metti a piagnucolare: tiri diritto, come diceva quello. Invece l’Udc ha deciso di non commentare i risultati delle votazioni alla Rsi, giudicata troppo parziale nel trattare le notizie. Le si contesta il viziaccio di certi giornalisti che quando un ospite dice “piove” e l’altro “c’è il sole”, invece di dare per buone entrambe le versioni, aprono la finestra e fanno vedere che tempo fa. Vezzo incompatibile col complottismo antiscientifico dei pupilli di Blocher, fantaccini d’una campagna finita com’è finita. Potevano almeno indossare una bella giacchetta e affrontare le telecamere con dignità. Macché: hanno preferito il “ce l’avete su con me, porto via il pallone”. Roba da far quasi tenerezza. Quasi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid pass rsi udc votazioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
2 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
3 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
5 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
6 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
© Regiopress, All rights reserved