laRegione
la-volpe-il-principe-e-la-truffa-del-falso-nipote
L’imbroglione ha mille facce
14.10.21 - 05:30
Aggiornamento : 13:54

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca

E dire che, regolarmente, la polizia mette in guardia la popolazione, soprattutto quella anziana, dal rischio della cosiddetta ‘truffa del falso nipote’. Eppure il 77enne Silvio Tarchini, uno dei più brillanti imprenditori ticinesi, con un patrimonio che Bilanz stima tra i 300 e i 400 milioni di franchi, si è fatto raggirare dal falso discendente del defunto imperatore etiope, Hailé Selassié, attualmente in carcere alla Farera. Nessuna parentela con il sovrano, figlio in realtà di un suo giardiniere di origine italiana, l’imbroglione è riuscito a rifilare, a Tarchini e ad altri tre facoltosi ticinesi, dei bond tedeschi scaduti per più di 10 milioni di euro. È una storia triste perché sta a dimostrare che in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca. Stavolta è toccato al fondatore del FoxTown. Ma come disse una volta Bettino Craxi di Giulio Andreotti: “Prima o poi anche le volpi più astute finiscono in pellicceria”.

Leggi anche:

Hailé Selassié, principe dell’inganno

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hailé selassié silvio tarchini tewanna ray
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
14 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved