laRegione
calo-demografico-parlare-di-salari-e-cosi-brutto
Ti-Press
La formica rossa
13.10.21 - 05:300
Aggiornamento : 11:41

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere

Ben venga il dibattito su calo demografico e fuga dei cervelli. Di più: ben venga l’ascolto dei giovani che studiano oltre Gottardo - riferendo tutte le loro risposte e tutti i loro spunti -, ben venga la tematizzazione costante che per primo ha cominciato a fare il Ppd, ben vengano i socialisti preoccupati e - ma sì, sprechiamoci - ben venga pure il ‘mister demografia’ di Speziali se serve. Ben venga per dovere di cronaca anche il silenzio dell’Udc, in quanto si può capire che il tema non sia proprio nei loro radar quando invece si può concionare sulla libera circolazione e quando si parla di persone che guadagnano meno di 100mila franchi l’anno. E a proposito di stipendi: una modesta proposta. Finché il focus non si sposterà sui salari vergognosi che vengono offerti a molti giovani formati, parlare di famiglie che non si creano più, di spopolamento, di fughe verso nord ma anche verso sud, sarà solo chiacchiericcio di fondo. La politica dovrebbe provare a capire un semplice, basilare concetto: non esistono solo i ricchi, persone cui è andato tutto liscio, studenti con papà che paga loro gli studi, chi ha il cognome passepartout, quelli che vengono messi al posto giusto in barba alla meritocrazia, quelli che chiedono meno Stato ma hanno lo stipendio pagato dallo Stato e quindi dal contribuente. Forza, non è difficile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince
Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
1 gior
Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)
Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
1 gior
Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco
La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
2 gior
Il San Gottardo senza i social
Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
4 gior
Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse
Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
5 gior
È giunta l’ora delle aggregazioni
Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
6 gior
Quelli col poster di Ronald Reagan
L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
6 gior
Per un salario certificato
Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett
Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente
Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett
Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine
Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile