laRegione
13.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 11:41

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere

calo-demografico-parlare-di-salari-e-cosi-brutto
Ti-Press

Ben venga il dibattito su calo demografico e fuga dei cervelli. Di più: ben venga l’ascolto dei giovani che studiano oltre Gottardo - riferendo tutte le loro risposte e tutti i loro spunti -, ben venga la tematizzazione costante che per primo ha cominciato a fare il Ppd, ben vengano i socialisti preoccupati e - ma sì, sprechiamoci - ben venga pure il ‘mister demografia’ di Speziali se serve. Ben venga per dovere di cronaca anche il silenzio dell’Udc, in quanto si può capire che il tema non sia proprio nei loro radar quando invece si può concionare sulla libera circolazione e quando si parla di persone che guadagnano meno di 100mila franchi l’anno. E a proposito di stipendi: una modesta proposta. Finché il focus non si sposterà sui salari vergognosi che vengono offerti a molti giovani formati, parlare di famiglie che non si creano più, di spopolamento, di fughe verso nord ma anche verso sud, sarà solo chiacchiericcio di fondo. La politica dovrebbe provare a capire un semplice, basilare concetto: non esistono solo i ricchi, persone cui è andato tutto liscio, studenti con papà che paga loro gli studi, chi ha il cognome passepartout, quelli che vengono messi al posto giusto in barba alla meritocrazia, quelli che chiedono meno Stato ma hanno lo stipendio pagato dallo Stato e quindi dal contribuente. Forza, non è difficile.

Leggi anche:

Così il Ticino vuole far rientrare i ‘cervelli in fuga’

‘Fuga dei cervelli, ascoltare i giovani è un antidoto alla paura’

‘Per combattere il calo demografico creiamo un Mister demografia’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
21 ore
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
2 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
3 gior
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
5 gior
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett
Salvini, Meloni e il governo degli sburoni
Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
© Regiopress, All rights reserved