laRegione
il-tiro-al-piccione-e-l-ornitologia-leghista
24.09.21 - 05:20
Aggiornamento : 12:35

Il ‘tiro al piccione’ e l’ornitologia leghista

Per Boris Bignasca è solo un pretestuoso ciangottare quello che investe il finto sindacato leghista TiSin

“Un tiro al piccione senza il piccione” ha detto alla tivù un impettito Boris Bignasca. Per lui è solo un pretestuoso ciangottare quello che investe il finto sindacato leghista TiSin, avvistato a tubare con rapaci di dubbio piumaggio, a far lo struzzo sul salario minimo mentre si ghermiscono frontalieri con un pugno di becchime. Poco importa se poi, ogni domenica, il corvo di via Monte Boglia affibbia ai lavoratori italiani la livrea di gazze ladre, mentre i suoi titoli garriscono a pappagallo i soliti slogan. Ormai s’ode un perplesso chioccolare perfino tra gli altri merli della voliera populista, alcuni si ridestano come civette di Minerva. Tanto che il pulcino del Nano, l’altro giorno, ha dovuto lasciare il nido parlamentare a cresta bassa, vuoi mai che il guano ne colpisse il trespolo. Passerotto, non andare via, ci saranno certamente nuove occasioni per tornare a pavoneggiarti come se nulla fosse. Sempre che un’alata coerenza non rimpiazzi i cinguettii sui social. Perché va bene che “la realtà è un uccello che non ha memoria”, come cantava Giorgio Gaber. Ma qua ci prendono per polli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lega tisin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved