laRegione
caroselli-e-tinelli
(Ti-Press)
13.07.21 - 05:30
Aggiornamento : 14:38

Caroselli e tinelli

Aveva tifato fino all’ultimo per l’Inghilterra della Brexit e non sopporta i festeggiamenti notturni. Di Lorenzo Quadri, leghismo e tifo contro

“Pretendiamo il rispetto dell’ordine pubblico e della quiete notturna da parte dei tifosi tricolore. Chi vuole darsi alla pazza gioia può andare a farlo nel proprio Paese. Si astenga dal fare casotto nel nostro”. Immaginiamo l’accigliato autore di queste righe chiuso in casa, copertina sulle gambe e mani sulle orecchie mentre gli altri festeggiano, una specie di signora Bates nella penombra di Psycho. Fuori la bolgia, i caroselli, gente d’ogni provenienza che coglie un’occasione per divertirsi dopo mesi di reclusione. Applausi, trombette, tricche-tracche e castagnole. Dentro Lorenzo Quadri col muso storto, autoconfinato in un contiano tinello marron, di quelli col cellophane sopra sennò si rovinano. Lui che domenica aveva dedicato la prima del ‘Mattino’ al tifo per l’Inghilterra della Brexit, meglio: contro l’Italia e l’Europa. Un certo leghismo funziona così: non tifare mai ‘per’, ma sempre ‘contro’. Contro l’Ue, i ‘tagliàn’, i ‘finti rifugiati’, la Nati ‘multikulti’, il ‘triciclo’ e via dicendo. A costo di trovarsi da soli, nel proprio sovrano tinello.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caroselli italia lega lorenzo quadri unione europea
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved