laRegione
biden-putin-e-un-giro-a-bordo-della-delorean
Correva l'anno 1985... (Keystone)
La formica rossa
17.06.21 - 05:250
Aggiornamento : 17:15

Biden, Putin e un giro a bordo della DeLorean

Viaggio nel passato: se avessimo fatto vedere a Reagan e a Gorbaciov la foto dell’incontro di ieri forse il mondo di oggi sarebbe tutt’altro luogo

Sarebbe stato il giorno giusto per salire sulla DeLorean di Marty McFly. Destinazione: 19 novembre 1985. Il giorno in cui a Ginevra ci fu il primo vertice tra Ronald Reagan e Michail Gorbaciov. Quell’incontro – dicono oggi gli storici – che avrebbe aperto la strada alla fine della Guerra Fredda. «Non è che noi non ci fidiamo l’uno dell’altro perché siamo armati, ma siamo armati perché non ci fidiamo l’uno dell’altro», fu la battuta con cui Reagan accolse Gorbaciov. “Reagan, l’attore?”, ride un uomo del 1955 quando Marty gli racconta che quel comico sarebbe diventato presidente degli Stati Uniti. C’era poco da ridere, in verità.

Chi lo sa, forse se nel nostro viaggio nel passato avessimo fatto vedere ai due presidenti la foto (un po’ squallida) dell’incontro di ieri tra Joe Biden e Vladimir Putin il mondo odierno sarebbe tutt’altro luogo.

Sta di fatto che ufficialmente il vertice tra i due leader si è concluso con un accordo per il ritorno degli ambasciatori e qualche buon proposito. Davvero poco se si pensa che nell’85 Reagan aveva perfino proposto a Gorbaciov un'alleanza contro un eventuale attacco alieno.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Eh già... Angelone è ancora qua
Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
7 ore
Olimpia e il prezzo della felicità
Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior
Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso
Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
2 gior
Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile
Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
3 gior
Il tempo sospeso dei reduci del G8
Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior
La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)
La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior
Cuba e il fantasma della libertà
Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett
Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze
La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett
Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)
Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
1 sett
La radio non l’ha detto, quindi ci credo
Al parco giochi una mamma mi conquista con le sue certezze: si tratta con tutta evidenza di un complotto su scala mondiale
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile