laRegione
e-tutto-colpa-di-quello-sbadato-pacherista
Ma se le cose stessero davvero così, perché non dirlo prima? (Ti-Press)
11.06.21 - 05:30
Aggiornamento : 11:50

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto

A quanto pare il Municipio di Lugano non voleva demolire completamente il Molino. “Abbiamo dato soltanto l’ok all’intervento sul tetto”, scrivono le autorità cittadine. A dire il vero nemmeno la polizia voleva spingersi troppo in là, par di capire. Doveva essere “un intervento minore”, la messa in sicurezza di alcune parti pericolanti e basta. A qualcuno poi sarebbe scappata la mano.

Ma se le cose stessero davvero così, se invece di essere di fronte a un abuso di potere da parte delle autorità – politiche e di polizia – fossimo stati semplicemente testimoni di un grottesco incidente di cantiere, perché non dirlo prima?

Chissà, magari ora ad andarci di mezzo sarà solo quello sbadato pacherista che sabato sera, forse mentre faceva l’aperitivo con gli amici, non ha avuto idea migliore che rispondere alla chiamata della ditta in cerca dell’operaio di picchetto. A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche colpa sua se poi lui, insieme ad altri ventidue colleghi, si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto: poteva evitare di buttar giù tutto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex macello lugano molino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved