laRegione
colpisci-e-terrorizza-in-versione-luganese
Il ‘sistema’ non è mai riuscito a spazzare gli ideali con le ruspe (Ti-Press)
01.06.21 - 05:30
Aggiornamento : 12:00

Colpisci e terrorizza, in versione luganese

Un gesto bolsonarista degno di una qualsiasi favela di Rio. Ma pretendere uno spazio di autodeterminazione senza passare dal dialogo resta una chimera

Aver raso al suolo in una notte un pezzo dello stabile dell’ex Macello doveva – nella testa di alcuni – diventare la prova tangibile della forza del Municipio. Il vecchio e buon ‘Colpisci e terrorizza’ in versione luganese. Un gesto bolsonarista degno di una qualsiasi favela di Rio de Janeiro: sgombero più demolizione uguale problema risolto.

Invece le cose non stanno così. Dalle macerie del centro sociale ciò che emerge, smascherata, è tutta l’ignobile prepotenza delle autorità cittadine (mettiamoci pure il Dipartimento delle istituzioni). Prepotenza che si tramuta in ignoranza. Forse nessuno di loro si è soffermato sul fatto – storia insegna – che il ‘sistema’ non è mai riuscito a spazzare gli ideali, come quello dell’autogestione, con le ruspe.

Dall’altra parte poi, un richiamo: riuscire a ricavare uno spazio di autodeterminazione senza passare dal dialogo con le autorità (basta trovare un accordo, mica dovete chiamarli ‘onorevoli’) è una chimera. Quelli di allora lo sanno bene: un terreno va riconquistato, certo. Con le parole. Una volta ottenuto, ve lo potrete (auto)gestire.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autogestione ex macello molino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved