laRegione
prestazione-ponte-e-retroattivita-minima-che-mangino-brioches
Depositphotos
19.05.21 - 05:30

Prestazione ponte e retroattività minima: che mangino brioches?

Ben venga il compromesso di far valere le nuove misure dal 1° maggio, ma le motivazioni per non andare al 1° marzo lasciano basiti. Come il no del governo

La prestazione ponte Covid è nata per un motivo preciso: aiutare puntualmente chi finora non ha ricevuto alcun sostegno e sta pagando caramente le conseguenze economiche delle chiusure dovute alla pandemia. Con l’aggiornamento dei parametri - tra i quali l’aumento degli importi massimi - il discorso della retroattività sarebbe dovuto venir da sé. Non è campato per aria il concetto che se una persona ha visto respinta la propria richiesta per dei paletti oggi caduti possa vedersi ‘compensata’ grazie alle nuove decisioni. Il governo ha detto e ridetto no a questa retroattività al 1° marzo, come hanno detto no esponenti di alcuni partiti ieri in Gestione. La motivazione addotta, sintetizzabile con il troppo lavoro per i Comuni (alla faccia della decantata prossimità), vale a dire gli enti preposti alla valutazione di ogni dossier, lascia basiti. L’Ente pubblico, davanti a cittadini in evidente difficoltà, non può trincerarsi dietro non problemi dando la sensazione a chi sta subendo di essere lasciato da parte. Non si è di fronte a persone che hanno scelto di tenere chiusa la propria attività, non lavorare più, perdere l’impiego. Si è di fronte a persone cui tutto questo è stato imposto e che in questo difficile momento non hanno voce. Chi si è prodigato - giustamente - a rimpinguare la dotazione per i casi di rigore, non è stato altrettanto lesto nel tendere una mano a persone che, al contrario di alcune categorie onnipresenti sui media e nel dibattito, non stanno ricevendo aiuti da oltre un anno. Speriamo che il prossimo passo non sia proporre di sostituire il pane con le brioches.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio prestazione ponte
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved