laRegione
c-era-una-volta-il-fioretto-ora-la-spada-affonda-il-triciclo
Ti-Press
04.05.21 - 05:30

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri

Quanto è lontana quella mattina del 25 agosto 2019 quando il congresso elettorale del Ppd applaudì - anzi, benedì - l’alleanza col Plr in vista delle federali e tributò uno spellamento di mani al candidato liberale radicale agli Stati Giovanni Merlini, prima di dedicare un commosso ricordo a Luigi Rossi. Poi le cose andarono diversamente da quanto auspicato: il gioco delle crocette, compreso o sfruttato, portò al defenestramento dall’Assemblea federale sia di Merlini, sia di Filippo Lombardi. E quanto sembrano lontani i tempi del Triciclo, delle intese discusse tra un boccone e l’altro. Già. È che le alleanze evaporano quando di mezzo ci sono delle poltrone, e prima di discettare di Platone e Aristotele occorrerebbe ricordare il ministro italiano Rino Formica quando ebbe a dire, decenni fa ormai, che la politica è ‘sangue e merda’. Gli accordi saltano, la parola non conta, la spregiudicatezza viene premiata e il bianco diventa nero come per magia. Forse sono finiti i tempi del fioretto e sono (ri)cominciati quelli della spada, e quando un presidente di partito dice che vuole prendere in mano il boccino dell’attualità andrebbe ascoltato e capito non tanto per l’affermazione. Ma per quello che c’è tra le righe. Che spesso, molto spesso, è più importante.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
formica rossa gran consiglio
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 ora
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterranea della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
© Regiopress, All rights reserved