laRegione
c-era-una-volta-il-fioretto-ora-la-spada-affonda-il-triciclo
Ti-Press
La formica rossa
04.05.21 - 05:300

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri

Quanto è lontana quella mattina del 25 agosto 2019 quando il congresso elettorale del Ppd applaudì - anzi, benedì - l’alleanza col Plr in vista delle federali e tributò uno spellamento di mani al candidato liberale radicale agli Stati Giovanni Merlini, prima di dedicare un commosso ricordo a Luigi Rossi. Poi le cose andarono diversamente da quanto auspicato: il gioco delle crocette, compreso o sfruttato, portò al defenestramento dall’Assemblea federale sia di Merlini, sia di Filippo Lombardi. E quanto sembrano lontani i tempi del Triciclo, delle intese discusse tra un boccone e l’altro. Già. È che le alleanze evaporano quando di mezzo ci sono delle poltrone, e prima di discettare di Platone e Aristotele occorrerebbe ricordare il ministro italiano Rino Formica quando ebbe a dire, decenni fa ormai, che la politica è ‘sangue e merda’. Gli accordi saltano, la parola non conta, la spregiudicatezza viene premiata e il bianco diventa nero come per magia. Forse sono finiti i tempi del fioretto e sono (ri)cominciati quelli della spada, e quando un presidente di partito dice che vuole prendere in mano il boccino dell’attualità andrebbe ascoltato e capito non tanto per l’affermazione. Ma per quello che c’è tra le righe. Che spesso, molto spesso, è più importante.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
1 gior
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
2 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
4 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
5 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
6 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile