laRegione
15.04.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:31

Le minacce dell’agente e il silenzio di Gobbi

Il capo delle Istituzioni si rifiuta di rispondere alle nostre domande sul poliziotto già condannato per post nazisti

le-minacce-dell-agente-e-il-silenzio-di-gobbi
(archivio Ti-Press)

Un agente della Polizia cantonale inneggia sui social a Hitler e Mussolini, chiama “maiali” i “neri” e i “gialli”. Norman Gobbi – col nullaosta dell’intero Consiglio di Stato – ne permette la promozione a sergente maggiore, incurante delle critiche della comunità ebraica, della Commissione federale contro il razzismo, di vecchi segugi della Polizia come Giorgio Galusero. Ora, sempre su Facebook, quel poliziotto minaccia di pestare l’ignoto che gli ha vandalizzato l’auto: “Non vedrai l’ora che arrivino in tuo aiuto i tanto odiati sbirri!”, gli dice, “applicherò un’antica legge non comune alle nostre latitudini”. Toni da Pulp Fiction, che spingono a chiedersi se al direttore delle Istituzioni non sia venuto qualche dubbio su certe scelte. Si vorrebbe capire cosa intende fare, non per vedere rotolare teste, ma per evitare il ripetersi di episodi che screditano la polizia. Serve una risposta politica che però non arriva: Gobbi si ostina a non volerci rispondere. Il solito silenzio immusonito che abbandona non solo i lettori, ma anche gli agenti che indossano la divisa come si deve. Peccato davvero.

Leggi anche:

Verrà promosso il poliziotto che inneggiò al nazismo

Poliziotto agente di polemica

L'agente condannato per post nazisti ora minaccia un vandalo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
18 ore
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
2 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
2 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
3 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
4 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
5 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
6 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
6 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
© Regiopress, All rights reserved