laRegione
le-minacce-dell-agente-e-il-silenzio-di-gobbi
(archivio Ti-Press)
15.04.21 - 05:30
Aggiornamento : 14:31

Le minacce dell’agente e il silenzio di Gobbi

Il capo delle Istituzioni si rifiuta di rispondere alle nostre domande sul poliziotto già condannato per post nazisti

Un agente della Polizia cantonale inneggia sui social a Hitler e Mussolini, chiama “maiali” i “neri” e i “gialli”. Norman Gobbi – col nullaosta dell’intero Consiglio di Stato – ne permette la promozione a sergente maggiore, incurante delle critiche della comunità ebraica, della Commissione federale contro il razzismo, di vecchi segugi della Polizia come Giorgio Galusero. Ora, sempre su Facebook, quel poliziotto minaccia di pestare l’ignoto che gli ha vandalizzato l’auto: “Non vedrai l’ora che arrivino in tuo aiuto i tanto odiati sbirri!”, gli dice, “applicherò un’antica legge non comune alle nostre latitudini”. Toni da Pulp Fiction, che spingono a chiedersi se al direttore delle Istituzioni non sia venuto qualche dubbio su certe scelte. Si vorrebbe capire cosa intende fare, non per vedere rotolare teste, ma per evitare il ripetersi di episodi che screditano la polizia. Serve una risposta politica che però non arriva: Gobbi si ostina a non volerci rispondere. Il solito silenzio immusonito che abbandona non solo i lettori, ma anche gli agenti che indossano la divisa come si deve. Peccato davvero.

Leggi anche:

Verrà promosso il poliziotto che inneggiò al nazismo

Poliziotto agente di polemica

L'agente condannato per post nazisti ora minaccia un vandalo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gobbi polizia poliziotto silenzio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved