laRegione
l-inflazione-segna-la-fine-del-paradigma-a-bassa-cilindrata
Ti-Press
Il ‘carburante’ illimitato delle banche centrali non c’è più
laR
 
01.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 08:52

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa

Venticinque chilometri al litro, o quasi. Un consumo in autostrada davvero efficiente, quello della mia piccola Polo 1.0. Almeno a priori. Ora invece, sull’asfalto rovente di fine giugno, con cinque persone a bordo e il bagagliaio pieno di roba, i valori cambiano. A queste condizioni, per ogni chilometro percorso, il motore a bassa cilindrata richiede una dose maggiorata di carburante, talmente grande da renderlo inadeguato al tipo di viaggio effettuato.

Di recente, pure la politica monetaria ultra-espansiva delle principali banche centrali è stata ritenuta inadeguata. La Federal Reserve prima e la Banca Nazionale poi hanno deciso di cambiare marcia: i tassi d’interesse a bassa cilindrata – minimi o addirittura negativi – fra poco saranno soltanto un retaggio del passato. L’aumento del costo del denaro mira a contrastare quell’alterazione nei prezzi al consumo che in economia si chiama inflazione. Un fenomeno che a prima vista sembra essere esclusivamente monetario: in effetti, in un processo inflazionario, ogni bene o servizio richiede una quota sempre più grande di moneta per poter essere acquistato. Buona parte degli economisti dirà quindi che l’inflazione è determinata dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa.

"La teoria di Hume è sbagliata, va capovolta", diceva il prof Glavich all’università. Il comportamento dei prezzi nell’ultimo decennio sembra infatti voler dare ragione al mio vecchio insegnante: mentre le banche centrali continuavano a "inondare" i mercati di liquidità, l’inflazione non ha mai dato segni di vita. Ciò che invece è accaduto è che i prezzi hanno ricominciato a correre, soprattutto negli Stati Uniti, all’uscita dalla pandemia, quando agli stimoli monetari si sono aggiunte le politiche fiscali dell’amministrazione Biden di sostegno ai consumi. A quel punto la domanda è diventata troppo robusta di fronte a un’offerta piuttosto statica, andando a configurare ciò che Keynes chiamava il "divario inflazionistico". L’economia americana, insomma, è entrata in una spirale inflazionistica per cause che possiamo definire endogene.

In Svizzera, invece, oltre a viaggiare a un ritmo molto più moderato (le previsioni parlano di un rincaro inferiore al 3% per il 2022 contro il quasi 9% americano), l’inflazione ha poco a che vedere con un’euforia dei consumi, anzi. Da noi l’aumento dei prezzi riguarda esclusivamente certi fattori esogeni: le difficoltà per reperire le materie prime da un lato, l’incremento dei costi dei prodotti energetici dall’altro. Trattandosi di beni importati, però, l’ancora del franco forte attutisce l’impatto sull’economia. La strategia della Bns sembra, in effetti, essere proprio questa: lasciare che la valuta si apprezzi per assorbire i rincari attraverso il cambio favorevole.

Resta il fatto che applicare la stessa ricetta degli Usa – inasprimento della politica monetaria – di fronte a un’inflazione di tutt’altra natura, potrebbe trasformarsi in un boomerang per l’economia Svizzera, "una spirale che invece di contenere la crescita dei prezzi al consumo, ottenga l’effetto contrario", ha affermato su queste colonne il professor Sergio Rossi. Staremo a vedere.

Quello che è certo è che la ricomparsa dell’inflazione sulle due sponde dell’Atlantico è il segno inequivocabile della fine del paradigma di una crescita economica alimentata dal "carburante" illimitato messo a disposizione dalle banche centrali.

Leggi anche:

‘La Bns ha aggiunto un peso morto all’economia’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banca nazionale svizzera federal reserve hume inflazione keynes sergio rossi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
5 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved