laRegione
non-e-la-panacea-ma-proviamoci
L’ANALISI
laR
 
21.05.22 - 05:30

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff

È la riforma più importante da vent’anni a questa parte. Anzi, la decisione presa ieri mattina nell’assemblea della Swiss Football League a Ittingen, presenta aspetti ancora più rivoluzionari rispetto a quella che aveva portato alla nascita della Super League. Dalla stagione 2023-24, la massima divisione del calcio elvetico passerà da 10 a 12 squadre. Inoltre, per determinare il campione nazionale vi sarà una sfida al meglio delle tre partite tra le prime due della classifica, mentre i restanti posti in Europa verranno assegnati mediante playoff.

Che l’allargamento a 12 squadre fosse una necessità percepita da tutti i club di Sfl, lo dimostra l’unanimità ottenuta al momento della votazione (20 club su 20). Assai meno scontata era, invece, l’introduzione di un format che prevedesse scontri a eliminazione diretta. Anche in questo caso, comunque, la maggioranza è stata raggiunta (16 su 20). All’atto pratico, a partire dalla stagione 2023-24, il campionato di Super League sarà strutturato in tre fasi. Dapprima un girone all’italiana con partite di andata e ritorno (22), al termine del quale le prime sei disputeranno il Championship Group (altre 10 partite), mentre le squadre classificate dal 7º al 12º posto si affronteranno nel Qualification Group, al termine del quale l’ultima sarà direttamente retrocessa in Challenge League e la penultima costretta allo spareggio con la seconda della lega cadetta.

Al termine del torneo per il titolo, invece, si procederà alla fase finale. Le prime due si affronteranno in una sfida best of 3 per l’assegnazione del titolo (non ci saranno pareggi, se necessario prolungamenti e rigori).

Le restanti quattro squadre si uniranno alle prime quattro del girone contro la retrocessione per disputare dei playoff (quarti, semi e finale, partite di andata e ritorno) che assegneranno i restanti posti per le Coppe europee (la 3ª affronterà la 10ª, la 4ª affronterà la 9ª e così via).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Conferenza di Lugano: ‘principi’ del domani e guerra di oggi
La Urc2022 si chiude con una ‘Dichiarazione’ che getta le basi del processo di ricostruzione dell’Ucraina. Il risultato non è da disprezzare
Commento
1 gior
Conferenza, assenza & resilienza
Una parola magica, tanti (troppi) Paesi che si sono defilati: resta la sensazione di un’incompiuta, anche perché non si capisce cosa accadrà in Ucraina
Commento
2 gior
L’Urc2022, Cassis e la Storia
C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
2 gior
Fedez e la Corte Suprema dentro di noi
Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
4 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
5 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
5 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
6 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
1 sett
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
© Regiopress, All rights reserved