laRegione
lukashenko-pirata-internazionale
Keystone
Alexander Lukashenko, il controverso presidente bielorusso
L'analisi
 
25.05.21 - 05:300
Aggiornamento : 15:04

Lukashenko, pirata internazionale

Il presidente bielorusso ha chiesto e ottenuto di far atterrare un aereo di linea della Ryanair con una scusa per far arrestare un giornalista dissidente

Il satrapo si è indubbiamente superato. Con un’operazione dai contorni da guerra fredda che sembra uscita dritta dritta da una pellicola di James Bond, l’ultimo dittatore d’Europa ha oltrepassato ogni limite mettendo a segno uno spettacolare atto di pirateria internazionale. Non pago di aver arrestato e fatto torturare oppositori e manifestanti all’indomani delle elezioni truccate dello scorso mese di agosto, Alexander Lukashenko ha deciso di entrare negli annali del terrorismo internazionale (di Stato) ordinando il dirottamento di un velivolo di linea. Il volto tronfio e altero del pluridecorato autocrate ex militare, ora sovrano illegittimo di Minsk, campeggia sulle copertine dei media mondiali per un exploit senza precedenti. È stato in effetti lui, direttamente, a ordinare domenica a un caccia bombardiere Mig-29 di costringere all’atterraggio nella capitale bielorussa un Boeing 737 di Ryanair in volo da Atene a Vilnius, in Lituania. Con il pretesto di un allarme bomba, rivelatosi immediatamente fasullo, Lukashenko ha così potuto spedire nelle patrie galere Roman Protasevich.

Il giovane dissidente era stato pedinato al Kgb bielorusso mentre si trovava ad Atene per una conferenza alla quale ha preso parte la leader dell’opposizione Svetlana Tikhanovskaya. Sceso dall’aereo con gli altri passeggeri, è stato subito arrestato e imprigionato.
Accusato di sedizione e organizzazione di disordini di massa rischia ora una pesantissima condanna, forse – stando all’angosciante appello lanciato dal dissidente mentre veniva ammanettato – la pena capitale. Il destino degli oppositori sembra conoscere a Minsk una sola alternativa: o sotto terra o dietro le sbarre. Il 26enne Protasevich è stato il fondatore ed ex direttore del canale informativo Nexta, che ha avuto un’enorme diffusione sulla piattaforma criptata Instagram prima che a fine estate 2020 la polizia cominciasse a sequestrare gli smartphone dei manifestanti per snidare abbonamenti - considerati come un crimine - al medium dell’opposizione.

Nella denuncia all’unisono, da Washington a Bruxelles a Varsavia, da registrare la scontata stonatura putiniana. Mosca de facto giustifica l’atto di banditismo ricordando che nel 2013 un velivolo con a bordo il presidente boliviano Morales fu bloccato a Vienna quando gli americani sospettavano che bordo vi fosse Edward Snowden. Seppur grave e deprecabile non si trattò tuttavia di un dirottamento: al velivolo fu negato per diverse il sorvolo dello spazio aereo da parte di diversi paesi. Il mentore moscovita non abbandona dunque il suo pupillo. La Russia occupa i primi gradini del podio nella corsa alla repressione del dissenso: Da Anna Politkovskaja (freddata nel giorno stesso del compleanno del presidente) a Alexei Navalny la lista è lunga: i nomi di Alexandr Litvinenko ucciso dal polonio radioattivo o quello di Boris Nemtsov assassinato davanti al Cremlino 6 anni fa sono da tempo assurti ai disonori della tetra cronaca del regime. Lukashenko in questo ha in Putin un alleato fidato. L’Ue riunita da ieri in Consiglio europeo, è chiamata a mostrare i muscoli, e non solo quelli dell’oratoria, contro una dittatura che si riduce oggi a un’escrescenza banditesca e liberticida, già per altro denunciata da incontrovertibili inchieste da parte di organizzazioni per la difesa dei diritti umani.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
11 ore
L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda
Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
1 gior
Ricchezza: pochi su e tanti giù
L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
1 gior
La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro
Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
2 gior
Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità
A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
2 gior
Putin ha vinto, ma un po’ meno
Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
3 gior
Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’
Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
3 gior
A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe
La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
5 gior
Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie
L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
5 gior
Rimborsi per legittima difesa, aridaje
Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
5 gior
Più o meno tasse per i super ricchi 
I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile