laRegione
israele-palestina-manuale-di-una-tragedia
(Keystone)
laR
 
19.05.21 - 05:30
di Aldo Sofia

Israele-Palestina, manuale di una tragedia

La tragica vicenda del conflitto é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale, con radici profonde anche al di fuori dell’area regionale

Al netto dei vari fideismi, per cui la ragione é irrilevante rispetto al credo religioso (quindi la terra promessa agli ebrei, o la supremazia dell’ ‘umma’ islamica per ogni metro quadrato conquistato dai successori di Maometto), la tragica vicenda del conflitto israelo-palestinese é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale. Con radici profonde, situate anche al di fuori dell’area regionale. Leggi antisemite, persecuzioni anti-ebraiche,  ghetti, pogrom si produssero in Europa e nell’impero di Russia ben prima della Shoah. E un iniziale ‘passo riparatore’ fu la promessa di una ‘homeland” per gli ebrei, attraverso la Dichiarazione Balfour, con il padre del sionismo Herzl che nemmeno escluse l’idea di una patria in Africa. Poi il ‘male assoluto’, il nazismo e il suo programma di sterminio anti-semita, con non poche complicità e voltafaccia tutt’intorno al Terzo Reich. Un Occidente colpevole e debitore nei confronti degli ebrei accettò di pagarne il prezzo anche morale, e compensò con la nascita dello Stato ebraico.                

Golda Meir parlò impropriamente di ‘una terra senza popolo, per un popolo senza terra’; più saggiamente, Ben Gurion ammise che bisognava capire ‘l’enormità di quanto chiesto agli arabi’. L’aggressione militare a Israele del 1948, fu seguita da oltre 70 anni di guerre, odio, incomunicabilità, ribellioni anche armate nei territori palestinesi occupati nel ’67 (quando sembrò realizzarsi il destino di un ’Israele biblico’), colonizzazione, annessione, violazioni del diritto internazionale, divieti di spostamento, confini alterati, muri, il peso dei religiosi accresciuto nei due campi, la proclamazione di Israele come Stato esclusivo degli ebrei, nazionalismo e fanatismo che si sommano in maniera esplosiva. E, oggi, un supplemento d’odio. Infatti, ecco la novità più significativa e allarmante, senza significativi precedenti: gli scontri fra arabi e israeliani non solo nella Gerusalemme eternamente contesa e in Cisgiordania fra coloni e palestinesi, ma anche all’interno dello Stato ebraico, nelle città a popolazione mista: Lod, Akko, Haifa, Jaffa, e in Galilea e nel Negev. Ferite profondissime, sorprendenti per molti israeliani, lasciate imputridire nei calcoli di una politica purtroppo lucida, che con Netanyahu e i suoi alleati nazional-ortodossi ha puntato all’indebolimento della parte laica dei palestinesi, negando tenacemente la prospettiva dei ‘due Stati’: che se realizzata avrebbero messo fuori gioco o molto indebolito Hamas.                     

Tutto corroborato da una comunità internazionale complice perché silente, passiva, rassegnata, spaventata dagli sconvolgimenti in tutta la regione e dal terrorismo entrato in casa, fino al “marchio trumpiano” di una presidenza statunitense sfacciatamente docile verso Israele. “Unica democrazia della regione”, si ripete; sì, ma democrazia solo per la parte dominante, come il Sud Africa prima di Mandela. In tal modo, sempre e comunque, si torna drammaticamente dalle parti della casella di partenza. Con nulla in mano. Se non la terribile concretezza del generale fallimento.

                                                                          

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gaza gerusalemme hamas israele palestina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
Commento
1 sett
Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto
Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei
© Regiopress, All rights reserved