laRegione
israele-palestina-manuale-di-una-tragedia
(Keystone)
L'analisi
 
19.05.21 - 05:300

Israele-Palestina, manuale di una tragedia

La tragica vicenda del conflitto é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale, con radici profonde anche al di fuori dell’area regionale

Al netto dei vari fideismi, per cui la ragione é irrilevante rispetto al credo religioso (quindi la terra promessa agli ebrei, o la supremazia dell’ ‘umma’ islamica per ogni metro quadrato conquistato dai successori di Maometto), la tragica vicenda del conflitto israelo-palestinese é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale. Con radici profonde, situate anche al di fuori dell’area regionale. Leggi antisemite, persecuzioni anti-ebraiche,  ghetti, pogrom si produssero in Europa e nell’impero di Russia ben prima della Shoah. E un iniziale ‘passo riparatore’ fu la promessa di una ‘homeland” per gli ebrei, attraverso la Dichiarazione Balfour, con il padre del sionismo Herzl che nemmeno escluse l’idea di una patria in Africa. Poi il ‘male assoluto’, il nazismo e il suo programma di sterminio anti-semita, con non poche complicità e voltafaccia tutt’intorno al Terzo Reich. Un Occidente colpevole e debitore nei confronti degli ebrei accettò di pagarne il prezzo anche morale, e compensò con la nascita dello Stato ebraico.                

Golda Meir parlò impropriamente di ‘una terra senza popolo, per un popolo senza terra’; più saggiamente, Ben Gurion ammise che bisognava capire ‘l’enormità di quanto chiesto agli arabi’. L’aggressione militare a Israele del 1948, fu seguita da oltre 70 anni di guerre, odio, incomunicabilità, ribellioni anche armate nei territori palestinesi occupati nel ’67 (quando sembrò realizzarsi il destino di un ’Israele biblico’), colonizzazione, annessione, violazioni del diritto internazionale, divieti di spostamento, confini alterati, muri, il peso dei religiosi accresciuto nei due campi, la proclamazione di Israele come Stato esclusivo degli ebrei, nazionalismo e fanatismo che si sommano in maniera esplosiva. E, oggi, un supplemento d’odio. Infatti, ecco la novità più significativa e allarmante, senza significativi precedenti: gli scontri fra arabi e israeliani non solo nella Gerusalemme eternamente contesa e in Cisgiordania fra coloni e palestinesi, ma anche all’interno dello Stato ebraico, nelle città a popolazione mista: Lod, Akko, Haifa, Jaffa, e in Galilea e nel Negev. Ferite profondissime, sorprendenti per molti israeliani, lasciate imputridire nei calcoli di una politica purtroppo lucida, che con Netanyahu e i suoi alleati nazional-ortodossi ha puntato all’indebolimento della parte laica dei palestinesi, negando tenacemente la prospettiva dei ‘due Stati’: che se realizzata avrebbero messo fuori gioco o molto indebolito Hamas.                     

Tutto corroborato da una comunità internazionale complice perché silente, passiva, rassegnata, spaventata dagli sconvolgimenti in tutta la regione e dal terrorismo entrato in casa, fino al “marchio trumpiano” di una presidenza statunitense sfacciatamente docile verso Israele. “Unica democrazia della regione”, si ripete; sì, ma democrazia solo per la parte dominante, come il Sud Africa prima di Mandela. In tal modo, sempre e comunque, si torna drammaticamente dalle parti della casella di partenza. Con nulla in mano. Se non la terribile concretezza del generale fallimento.

                                                                          

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
L'ANALISI
19 ore
Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità
A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
19 ore
Putin ha vinto, ma un po’ meno
Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
1 gior
Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’
Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
1 gior
A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe
La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
3 gior
Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie
L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
3 gior
Rimborsi per legittima difesa, aridaje
Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior
Più o meno tasse per i super ricchi 
I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
4 gior
Schiave invisibili dei trafficanti
Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
4 gior
Una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue
Il Piano di rilancio del Ps apre molti interrogativi sui fondi per finanziarlo, a partire dalla questione delle stime. Ma è un bene per il dibattito politico
L'analisi
5 gior
L’illusione del mercato autoregolato
Salario minimo: la vicenda delle tre aziende del Mendrisiotto ripropone la storica contrapposizione tra due visioni dell’economia e della società
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile