laRegione
la-guerra-al-virus-e-il-ruolo-dello-stato
Vaccini finiti in una farmacia canadese (Keystone)
L'analisi
07.04.21 - 05:300

La guerra al virus e il ruolo dello Stato

Ora che si intravede la fine della pandemia riprende il dibattito tra il difficile equilibro tra pubblico e privato

Stiamo già assistendo, mentre la crisi sanitaria è ancora aperta, a un assaggio del dibattito ideologico-politico-economico che si preannuncia inevitabile nell’attesissimo e liberatorio dopo-Covid. Il confronto, cioè, sul futuro ruolo dello Stato. Quantomeno in quelle che vengono definite “le società avanzate” del modello capitalista, quindi economicamente più sviluppate. L’organizzazione “no profit” Oxfam (dicembre 2020, rapporto “Shelter from the storm”, rifugio dalla tempesta) ha calcolato che l’83% della spesa pubblica complessiva per fronteggiare la crisi è stata investita dai paesi più ricchi (meno numerosi e meno popolosi), mentre le nazioni povere hanno potuto contare sullo 0,4% di aiuti statali, lasciando senza un centesimo in più oltre 2,7 miliardi di persone.

Lo sforzo nel “primo mondo”, quello più sviluppato, è stato (e probabilmente rimarrà) enorme. Impossibile, per ora, dire quanti miliardi sono stati complessivamente messi sul tavolo. Tanti. Una montagna. In uno sforzo che non ha precedenti. La domanda è dunque se un cambiamento di parametro rispetto al passato vi sarà anche una volta usciti da questo dramma mondiale. O se invece, a breve o medio termine, torneranno a imporsi le voci, le narrazioni, le logiche e le sirene del “meno Stato”, riuscendo a rendere puramente transitoria la cosiddetta e indispensabile “rivincita dello Stato”. Anche il solo esempio dei vaccini è esemplare di questo confronto ancora aperto, e incerto. Chi è il protagonista principale delle scoperte immunitarie a cui è affidata la nostra sorte futura?

Boris Johnson ha attribuito il successo della campagna vaccinale al “capitalismo”, al libero mercato, e non è l’unico a pensarla così. L’economista Mariana Mazzucato, dello University College di Londra, dove dirige l’“Institute for innovation and public purpose”, ci ricorda invece che nella ricerca, nello sviluppo e nella produzione dei vaccini è stata riversata una quantità mai vista di denaro pubblico, dunque soldi dei cittadini: “Si stima che i sei candidati principali (alla produzione del siero) abbiano ricevuto dai governi circa 10 miliardi di dollari, oltre agli ‘impegni anticipati di mercato’ (in sostanza i pre-acquisti)”. I fondi pubblici, sottolinea ancora la Mazzucato, riprendendo le conclusioni dell’“Industrial Strategy Council” britannico – “hanno spesso una natura imprenditoriale, investono nelle iniziali e più rischiose fasi dell’innovazione sanitaria, prima che esista un mercato”; anche grazie a ciò le aziende sono riuscite a sviluppare un vaccino per il Covid-19 in tempi record. Difficile negarlo, senza nulla togliere al superbo successo della scienza.

Ma per ristabilire fra leva pubblica e imprenditoria privata un rapporto meno sfacciatamente favorevole a quest’ultima, ci vorrebbero leadership politiche più convinte del bene pubblico. E più determinate. Non come quelle che si sono fatte imporre quasi tutto dalle società farmaceutiche: prezzi, tempi di distribuzione, persino la segretezza dei contratti. Dopo aver beneficiato della risolutiva mano pubblica, e non certo della “mano del mercato”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Il ricordo
16 ore
Hans Küng, la dedizione alla verità
Più di libertà e indipendenza, care a ogni svizzero, è ciò che ha fatto di lui non solo l’eminente teologo, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati.
Commento
21 ore
Infermiere stressate e sottopagate
È passato un anno dagli applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà spontanea e sincera, che il mondo politico non ha raccolto
Commento
21 ore
Ma la finanza non impara dagli errori del passato
Il caso Archegos, costato una decina di miliardi di capitale a Credit Suisse, è l’ultimo di una lunga serie di disastri annunciati
Commento
1 gior
In memoria di Hans Küng, lucernese universale
Era “scomodo”, forse perché osava far presente un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità e quello dell’umanità
Commento
2 gior
Due poltrone per tre
Erdogan 'dimentica' una sedia per la presidente della Commissione europea von der Leyen ad Ankara, ma l’Ue tarda a reagire, dimostrando le solite debolezze
Commento
4 gior
Un pezzo di storia che se ne va. Lunga vita alla Valascia!
Calato il sipario sulla stagione 2020/21 dell'Ambrì Piotta, è calato pure quello, definitivo, sulla storica casa dei biancoblù
Commento
1 sett
Donne che subiscono e stanno zitte, siamo tutti responsabili
Avere più ‘sentinelle’ sul territorio e coraggio civico in un Paese dove ogni due settimane una donna viene uccisa tra le mura domestiche.
Commento
1 sett
Se la satira sul Ticino deve venire da fuori
Uno sketch della tv romanda sui ticinesi 'poveri ma sexy' ha fatto indignare i soliti reazionari. Non stupisce che certe risate qui siano bandite
Commento
1 sett
Elezioni, l’opaco siero dei candidati indebitati
A chi rincorre una poltrona viene richiesto il casellario giudiziale ma non l’estratto dell'Ufficio esecuzione e fallimenti
Commento
1 sett
Gli umarell del Canale di Suez
Tutti virologi e Ct della Nazionale sui social, ma il cantiere virtuale andato in scena in Egitto era troppo ghiotto per non dire agli esperti cosa fare
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile