laRegione
nessun-vaccino-israeliano-per-i-palestinesi
“Bibi”é già il premier più longevo nella storia dello Stato ebraico (Keystone)
L'analisi
 
02.03.21 - 12:290
Aggiornamento : 14:32

Nessun vaccino israeliano per i palestinesi

Netanyahu ha promesso a paesi amici d’Africa e America latina di donar loro le prevedibili dosi in eccesso. Nulla invece per Gaza e Cisgiordania

Ammirazione per Israele, primatista mondiale per vaccinazioni. In pochi mesi, immunizzata oltre la metà della popolazione (in totale 9,3 milioni di abitanti). Ingredienti del successo: reattività del governo, alto standard sanitario, cittadini familiarizzati con la tecnologia, abitudine a disciplinate mobilitazioni. Non basta. Per ottenere dosi massicce del siero di Pfizer, si paga un prezzo maggiore di quello chiesto agli Stati Uniti, e il doppio rispetto all’Europa. E, soprattutto, un accordo segreto, svelato per ordine della magistratura: circa 10 milioni di dosi in cambio di dati (tranne il nome, si assicura) di tutti i vaccinati, età, sesso, stato di salute, persino il braccio usato per l’iniezione. Sia come sia, per Benjamin Netanyahu un successo anche politico, alla vigilia delle elezioni anticipate.

“Bibi”, così lo chiamano in patria, é già il premier più longevo nella storia dello Stato ebraico. È in attesa di processo per reati pesanti, tra cui la corruzione. Ma sono Indiscutibili le sue doti di competitore (anche con manovre discutibili, come quando lasciò senza reagire che l’estrema destra religiosa sua alleata raffigurasse Rabin con le sembianze di Hitler). E, per la sua politica di chiusura nei confronti dei palestinesi, gli anni di Trump sono stati una manna, insieme alla tacita alleanza con l’impresentabile leadership saudita, in funzione anti-Iran. Stavolta, poi, “Bibi” ha giocato una carta imprevista. Ha promesso a paesi amici d’Africa e America latina di donar loro le prevedibili dosi in eccesso del siero. Ispirato dalla ‘diplomazia vaccinale’ di Cina e Russia. Proteste dell’opposizione (impensabile fino a quando la vaccinazione non sarà completata), e intervento della Procura generale che ha bloccato il progetto. Propositi di generosità che tuttavia non c’è stata verso i 4,6 milioni di palestinesi dei territori occupati, Cisgiordania e Gaza. A loro, unicamente la consegna simbolica di soli 5 mila dosi: per il resto, le autorità amministrative di Ramallah e della Striscia dovranno sperare nello Sputnik di Putin e mettersi in fila per ricevere (chissà quando) le dosi promesse da Covax, la rete internazionale organizzata dall’Oms.

Alle critiche, il governo israeliano (in questo non contrastato dai rivali centristi) replica che in base agli accordi di Oslo la sanità nei territori è competenza dalle autorità palestinesi. Ma quegli accordi sono ampiamente disattesi dalla coalizione nazional-religiosa che da tempo domina la scena israeliana: nuove annessioni, nuove colonie, definitiva inclusione del Golan, status di Gerusalemme bistrattato. Dovrebbe dunque prevalere la Quarta Convenzione di Ginevra, articolo 56, in base al quale l’occupante deve preoccuparsi di “proteggere gli occupati dal propagarsi di malattie contagiose”. Non si contano le risoluzione dell’Onu non rispettate da Gerusalemme (prima fra tutte, il ritiro da territori conquistato con la guerra). Così é, e così sarà anche stavolta.  Ma a chi interessa ancora una comunità palestinese controllata militarmente, spezzettata in bantustan, afflitta da capi divisi e corrotti? Ci poteva essere da parte israeliana un gesto di solidarietà. Almeno per calcolo sanitario e politico. Ma niente, nemmeno questo.

TOP NEWS Opinioni
L'ANALISI
20 ore
Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità
A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
20 ore
Putin ha vinto, ma un po’ meno
Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
1 gior
Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’
Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
1 gior
A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe
La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
3 gior
Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie
L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
3 gior
Rimborsi per legittima difesa, aridaje
Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior
Più o meno tasse per i super ricchi 
I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
4 gior
Schiave invisibili dei trafficanti
Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
4 gior
Una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue
Il Piano di rilancio del Ps apre molti interrogativi sui fondi per finanziarlo, a partire dalla questione delle stime. Ma è un bene per il dibattito politico
L'analisi
5 gior
L’illusione del mercato autoregolato
Salario minimo: la vicenda delle tre aziende del Mendrisiotto ripropone la storica contrapposizione tra due visioni dell’economia e della società
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile