laRegione
la-giardinetta-un-po-ammaccata-dello-zio-joe
Una lacrima sul viso (Keystone)
laR
 
20.01.21 - 19:56
Aggiornamento: 21:47

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem

Joe Biden è un appassionato di vecchie automobili: quando le guardie del corpo glielo permettono, ama sgommare con la sua Corvette Stingray del 1967. Suo padre, d’altronde, sbarcava il lunario vendendo auto usate. Ma al nuovo presidente americano tocca ora il volante di una giardinetta ben più ammaccata, fatta di pezzi che non combaciano e guidata per quattro anni da un incosciente; chissà cosa troverà nel bagagliaio. L’America si trova al centro di disgrazie come non se ne vedevano da generazioni: la crisi sanitaria, quella economica, ma anche gli scontri razziali e i problemi climatici che mandano a fuoco intere regioni.

Il piano del nuovo presidente segue due direttrici: disfare tutto quello che ha fatto il predecessore – dalle politiche contro l’ambiente a quelle contro l’immigrazione – e introdurre al più presto un programma di rilancio economico da quasi duemila miliardi. Un programma finanziato col debito, ma anche aumentando le tasse ai più ricchi e alle grandi aziende, in cambio di sgravi e aiuti al ceto medio e ai poveri. D’altronde, ancora una volta la crisi mostra come le politiche keynesiane siano state liquidate con troppa fretta. Ad aiutare la nuova agenda, oltre alla risicata maggioranza al Congresso, potrebbe essere lo smarrimento di un partito repubblicano diviso e sconcertato dal teppismo di Donald Trump. A essere diviso e sconcertato è però anche il Paese: per cercare di “riunificarlo” – una delle parole-mantra della transizione – Biden punta molto sulla pacatezza, ma anche sulla varietà delle minoranze etniche e sociali rappresentate nella sua amministrazione. Un modo anche quello per parlare a realtà che invece spesso non s’intendono tra di loro.

Fondamentale sarà naturalmente anche il ruolo di Kamala Harris. Non solo perché prima vicepresidente donna e nera, ma perché il suo ruolo di ago della bilancia in Senato le darà un grande potere nel manovrare il legislativo attraverso le riforme. Resta da vedere se saprà bilanciare questa posizione à la Lyndon Johnson con le sue stesse ambizioni presidenziali. Così come bisogna ancora capire come funzionerà il rapporto di delega col 78enne Biden, il presidente eletto più anziano di sempre.

Ci si chiede anche cosa cambierà per l’Europa. E qui tornerà forse in aiuto il modello di Barack ‘No-drama’ Obama: un presidente che non concepisce la relazione transatlantica come pura concorrenza, e soprattutto non spinge per dividere il continente con la sua retorica (cosa che Trump aveva fatto manovrando specchietti per le allodole non solo verso Londra, ma anche verso Berna. Eppure lo stiamo ancora aspettando, l’accordo di libero scambio.) Questo non deve però farci pensare che sarà una relazione semplice: in un mondo multipolare, nel quale cresce la potenza cinese, il campo di battaglia europeo è ormai da decenni di secondaria importanza. Né il recente mega-accordo tra Bruxelles e Pechino renderà felice un presidente americano, repubblicano o democratico che sia. Anche la Nato e la partecipazione ai costi di difesa resteranno problemi aperti. La distensione delle relazioni potrebbe presto diventare indifferenza, specie se l’Europa non sconfiggerà da sola il nemico che la divora dall’interno: quello del ‘prima i nostri’ e dello sciovinismo nazionale. Ma visti gli ultimi quattro anni, vale la pena ripetere quel che cantavano i Monty Python sul Calvario: “Always look on the bright side of life”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
joe biden kamala harris usa2020
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
3 ore
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
1 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
© Regiopress, All rights reserved