laRegione
coronavirus-i-silenzi-e-le-bugie-di-pechino
Keystone
Davvero tutto partì da un mercato?
laR
 
29.12.20 - 06:00
Aggiornamento: 04.01.21 - 16:26
di Roberto Antonini

Coronavirus, i silenzi e le bugie di Pechino

Nessuno è in grado di esprimere certezze sull’origine del Sars-CoV-2. Errore di manipolazione di un agente patogeno? L’ipotesi non è fantasiosa

Almeno su un aspetto la dirigenza americana e quella cinese si assomigliano: il loro rapporto più che disinvolto con la verità. Certo Xi Jinping non è un rozzo narcisista patologico e le sue fake news sa centellinarle con discrezione. A tal punto che non sono in pochi oggi a celebrare acriticamente un modello che con la sua politica centralizzata e autoritaria è comunque riuscito a sconfiggere il Covid-19. In realtà a un anno di distanza ancora non sappiamo cosa abbia scatenato la pandemia, da dove venga, ma possiamo nutrire qualche sospetto sulle ragioni che spingono Pechino a fare ostruzione.

La condanna di Zhang Zhan a quattro anni di carcere per aver “fomentato dispute e provocato disordini” (vedi a pagina 2) giunge nel momento in cui si celebra la vittoria nella “guerra del popolo contro il virus”. La giovane giornalista aveva indagato per mesi a Wuhan rivelando ritardi, errori, e mettendo in luce le contraddizioni del regime. Arrestata in maggio, ha indetto uno sciopero della fame e ora è costretta a un’alimentazione forzata, intubata in bocca e nel naso, le mani legate dietro la schiena. Una delegazione dell’Oms, composta da virologi, epidemiologi e zoologi, è sempre bloccata in attesa dell’autorizzazione a recarsi in Cina per indagare sull’origine del virus.

Nessuno, come rivela un’ampia inchiesta giornalistica di ‘Le Monde’, è oggi in grado di esprimere certezze. Indagini filogenetiche ci dicono che il Sars-CoV-2 è rintracciabile in un tipo di pipistrello presente nel Sud della Cina. Ma come è stato trasmesso all’essere umano? Mistero… L’idea che sia un pangolino in un mercato di Wuhan l’ospite intermedio, è oggi rimessa in discussione. In quel mercato non c’erano né pangolini né pipistrelli e stando allo stesso Centro cinese per le prevenzioni delle malattie (Cdc), tra gli animali venduti lì (rane, serpenti, orsetti lavatori, salamandre, scoiattoli, tassi, coccodrilli…) non è stata rinvenuta alcuna traccia del virus. Eppure tra i primi malati, molti avevano frequentato quel mercato.

La maggior parte degli specialisti oggi ritiene che il pangolino non sia l’ospite intermedio e tutte le ipotesi rimangono aperte, compresa quella di un incidente di laboratorio. Negli ultimi giorni, grazie anche al lavoro di due microbiologi indiani, è stato portato a conoscenza del pubblico un incidente occorso nella provincia dello Yunnan nel 2012. Diversi operai, incaricati di ripulire una grotta dal guano, gli escrementi di un tipo di pipistrello denominato “ferro di cavallo”, morirono alcune settimane più tardi in ospedale dove erano stati ricoverati con i sintomi di una grave polmonite. Secondo i virologi indiani fu proprio un virus del tipo Sars-CoV la causa della loro morte.

Per recente ammissione dello stesso laboratorio di virologia di Wuhan (Wiv), in un articolo messo online e poi cancellato, per anni sono stati stoccati diversi campioni di betacoronavirus di tipo Sars raccolti in quella grotta. Nessuno ne era al corrente. Per quale ragione? E perché l’articolo scientifico del Wiv è stato rimosso? L’errore di manipolazione di un agente patogeno non è un’ipotesi fantasiosa e ha – ricorda il virologo francese Etienne Decroly (Cnrs) – un precedente, l’epidemia di grippe A(H1N1), del 1977. Pechino tace e forse mente. Ed è ora che la comunità esiga finalmente e con forza di conoscere la verità.

Leggi anche:

Raccontò l'epidemia a Wuhan, condannata in Cina a 4 anni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus pechino pipistrello sars-cov-2 wuhan
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
5 ore
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
1 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
© Regiopress, All rights reserved