laRegione
je-suis-samuel
In migliaia in place de la République (Keystone)
L'analisi
19.10.20 - 06:000

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà

I volti atterriti, un fiume di sagome che sembrano imbattersi nel muro invisibile dello sconcerto, il silenzio partecipe che avvolge Conflans-Sainte-Honorine, allievi e genitori sciamano lenti per deporre candele e mazzi di fiori all’entrata della scuola. A terra tra la montagna di rose e bigliettini, vergata con un pennarello nero su un cartone, la scritta “je suis Samuel”. Nelle grandi città francesi un’altra domenica di cordoglio, protesta e solidarietà. Il 16 ottobre 2020, come il 7 gennaio o il 13 novembre di 5 anni fa.

Samuel Paty, 47 anni, docente nella periferia parigina, decapitato da un diciottenne islamista ceceno. La sua lezione sulla libertà di espressione ha risvegliato il mostro del radicalismo religioso: un genitore indignato posta sui social nome e numero di telefono del “miscredente”: è l’annuncio della condanna a morte, l’invito a passare all’atto. Che raccoglie il giovane terrorista. Come per i giornalisti James Foley o Richard Perle, o per il regista olandese Theo Van Gogh e tante altre vittime del fondamentalismo, la decapitazione mira a martoriare il corpo dei “kafir” i miscredenti e richiama la tradizione ancestrale: secondo il suo primo biografo, Maometto approvò la decollazione di centinaia di ebrei alla periferia di Medina, esasperando in questo la tradizione dell’Antico Testamento (Davide e Golia, Giuditta e Oloferne). Il poeta siriano Adonis in una sua nota pubblicazione (Violenza e Islam) ricorda che la storia della sua religione è dagli inizi estremamente violenta (tre dei primi quattro califfi furono assassinati). E che Corano e Sunna (che raccoglie gli hadith, i detti del profeta) sono imbottiti di appelli alla punizione per chi non aderisce alla fede o abbandona l’Islam: torture e decapitazioni attendono gli apostati.

La Bibbia in diversi suoi libri è certamente altrettanto spietata. Ma mentre il testo di riferimento di ebrei e cristiani è interpretabile e da secoli contestualizzato, quello dei musulmani è off limits per chi volesse farne l’esegesi: la parola di Dio in effetti è immutabile. Chi si avventura in contestualizzazioni, come gli autori del recente monumentale (e straordinario) “Le Coran des historiens” mette la propria vita a rischio. Uno dei maggiori studiosi riformisti dell’Islam, Abdelwahab Meddeb, aveva denunciato la “xenofobia epidermica” dei predicatori per i quali l’“altro”, il non-musulmano, è il nemico da abbattere. L’emergere negli ultimi decenni della corrente più intransigente del sunnismo ormai dominante (la cosiddetta scuola hanbalita, nata nel IX secolo e rilanciata dal wahabismo saudita) alimentata da propaganda e petrodollari di Riad ha emarginato l’islam riformista che ha molta difficoltà a farsi sentire. E che frustrazione, radicalizzazione e ignoranza rendono poco attrattivo per una frangia della gioventù frustrata, che il più delle volte non frequenta neppure le moschee. Il terrorismo fai te non è meno insidioso di quello organizzato: difficile controllarlo, agisce facilmente con strumenti a disposizione di tutti, coltelli e mannaie.

La Francia ha la laicità nel suo Dna: il secolarismo è l’unico strumento che sulla base della neutralità dello Stato possa garantire la convivenza di comunità e ideologie diverse. La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” – anche per chi non ama il giornale satirico – rimane un proclama di libertà.

TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!
Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
14 ore
Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato
Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
2 gior
La piccola Greta e il pulmino solo per residenti
Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi
Commento
2 gior
Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)
(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior
Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi
Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
3 gior
Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare
Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
4 gior
Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile
Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
4 gior
La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre
Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
5 gior
Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!
Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!
Commento
6 gior
Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno
Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile