laRegione
laR
 
24.08.20 - 06:00

Stati Uniti, per Biden non è fatta

Donald Trump conserva importanti assi nella manica. La sfida delle presidenziali è quantomai aperta.

di Aldo Sofia
stati-uniti-per-biden-non-e-fatta
Keystone
Joe Biden e Kamala Harris

Mentre Joe Biden veniva designato, la convention “in remoto” dei democratici celebrava il suo inusuale, virtuale rito telematico, con i sondaggi ancora favorevoli al concorrente di Trump. Pronostici che gli sono favorevoli da oltre quattro mesi. E che il candidato democratico ha tentato di consolidare: sia cercando una problematica sintesi fra le due principali anime del partito, la moderata e la radicale, unite almeno provvisoriamente dal “comune nemico”; sia promettendo una rinascita della nazione “come fece Roosevelt con il New Deal”. Quindi investimenti pubblici e Stato sociale. Nella grande crisi americana, una ricetta “inclusiva” per battere un rivale che si è confermato il presidente più “divisivo” della storia americana, dalla contrapposizione alle minoranze alla promozione del populismo nativista bianco.

La situazione generale non è sfavorevole a Biden: di fronte ha un Trump che ha gestito nel peggiore dei modi l’aggressione del Covid-19, inizialmente derubricandolo a semplice influenza stagionale, resistendo con arroganza ai suggerimenti degli esperti, suggeritore di terapie folli (“iniettatevi disinfettante”), precipitoso nella riapertura delle attività, rabbioso contro i governatori democratici accusati di resistergli, responsabile del peggioramento del numero dei contagi, delle vittime e della disoccupazione. E c’è tutto il resto degli ultimi tre anni. In particolare portando la società statunitense a un livello di scontro interno, di scollamento comunitario, di odio senza precedenti. E tuttavia per l’ex vice-presidente di Obama (il “vero” tutor del nuovo pretendente alla Casa Bianca), i giochi sono tutt’altro che fatti. Non solo perché i sondaggi registrano un calo del suo vantaggio. Ma soprattutto perché il tycoon ha importanti assi nella manica. La lista non è breve: oltre un miliardo di dollari per la campagna elettorale (meno di 700 per Biden), pochi anche se illustri dissidenti repubblicani, più iscritti alle liste elettorali del suo partito che non a quello democratico, sostanziale incertezza sul voto dei cosiddetti Stati-chiave della “Rust-Belt” (la regione industriale del nord-est) che gli garantirono la vittoria 4 anni fa, l’attrattività dello slogan “legge e ordine” su una parte degli elettori moderati spaventati (anche ad arte) da rivolte e disordini razziali, la solida condivisione della sua avversità nei confronti degli immigrati, lo scontro con la Cina che nel paese non è per nulla impopolare, la convinzione che “Sleepy Joe” (Biden “l’addormentato”) non riuscirà a mobilitare i giovani.

Può infine vantare la massiccia spesa erogata per far fronte alla crisi sanitaria, finora il 13,2 del Pil, di più hanno fatto solo Canada e Giappone, mentre nessun intervento europeo è stato di pari portata. Una cascata di aiuti che ancora non bastano (infatti Trump sta cercando di forzare la mano al Congresso), ma che per dimensione nonché per la loro natura ‘sociale’ i democratici possono difficilmente contestare.

Dati di fatto. Che suggeriscono prudenza. È auspicabile che i sondaggisti abbiano appreso la lezione del 2016 (quando diedero fino a 5 punti di vantaggio a Hillary Clinton), che stavolta non abbiano sottovalutato l’elettorato rurale e i ‘red neck’ della fascia lavoratrice medio-bassa, ed è anche vero che allora non pochi elettori di Trump ‘nascosero’ la loro preferenza mentre oggi sono meno portati a farlo. Ma tutto indica che la sfida è ancora aperta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
10 ore
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
2 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
3 gior
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
5 gior
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett
Salvini, Meloni e il governo degli sburoni
Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
© Regiopress, All rights reserved