laRegione
santa-sofia-come-arma-di-distrazione-di-massa-per-erdogan
keystone
L'analisi
13.07.20 - 10:090

Santa Sofia come arma di ‘distrazione’ di massa per Erdogan

La conversione in moschea dell'ex basilica per creare tensioni con l’Occidente, per rafforzare la coesione nazionale e depistare le preoccupazioni economiche

Santa Sofia sarà dunque la 3’272esima moschea di Istanbul. Nel suo palazzo dalle 1’100 stanze, l’autocrate islamo-nazionalista Erdogan può celebrare la propria vittoria dopo che il più alto tribunale amministrativo turco ha revocato il decreto risalente al 1934 e che porta la firma di Mustafa Kemal Atatürk, il fondatore della Turchia moderna e secolare. Il presidente, che 10 anni prima aveva abolito il califfato ottomano, ne aveva fatto un museo «da offrire all’umanità». Eretta dal cristianissimo imperatore Giustiniano nel VI secolo sulle rovine di una precedente basilica costruita sotto Costantino, Hagia Sophia (in greco, la santa saggezza) rimase per un millennio, prima di essere spodestata dalla basilica di San Pietro a Roma, il più imponente monumento della Cristianità. Quella di questi giorni non è la prima metamorfosi politico-religiosa della splendida chiesa: nel 1054 fu al centro dello scisma tra papato romano e patriarcato di Costantinopoli, nel 1204 fu vittima del «fuoco amico» saccheggiata e in parte distrutta dai crociati avidi di oro e reliquie, e poi quella data cardine della storia, il 1453, quando la «nuova Gerusalemme» fu conquistata dagli ottomani di Mehmet II che la trasformò in moschea, nascondendo con uno strato di calce mosaici e affreschi e facendo svettare 4 minareti. Nulla di straordinario: i cristiani a Cordova avevano già a loro volta da tempo eretto la cattedrale dell’Immacolata Concezione su una sontuosa moschea (a sua volta sorta sulle rovine di una chiesa visigotica). Poi, come detto, la svolta laica con la quale Atatürk 5 secoli più tardi volle mettere fine alle «guerre di religione». L’islamizzazione oggi in Turchia procede a passo spedito: nell’ultimo decennio altre 4 chiese «Santa Sofia» sono state trasformate in moschee. La quinta è ovviamente quella di gran lunga più importante ed emblematica. Anche perché il suo splendore fu all’origine della conversione degli slavi al cristianesimo: «Ci hanno condotti laddove celebrano il loro Dio e non sapevamo più se eravamo in cielo o in terra», scrivevano gli emissari di Vladimir, il principe di Kiev che non esitò ad abbracciare anche a nome del suo popolo la nuova fede. Recep Tayyip Erdogan invoca oggi le prerogative nazionali e il diritto «così come in Siria o Libia» ad agire in nome degli interessi della Turchia. Dal 2002 il processo di trasformazione oscurantista di una società che era riuscita, caso raro nel mondo musulmano, ad affrancarsi dalle maglie dell’oppressione religiosa, sembra inesorabile. Erdogan si presenta come l’anti Atatürk anche se respinge le accuse di voler far rivivere, da sultano, il califfato. Del padre della Turchia moderna aborrisce tutto, lui ne vuole essere l’antitesi. Il suo islamo-nazionalismo che la spietata repressione contro curdi e oppositori (recente l’incarcerazione di tre parlamentari e due esponenti di Amnesty International, la chiusura di un’università e di un paio di canali Tv considerati scomodi) rischia di trasformare in islamo-fascismo non è l’unica spiegazione all’origine dell’ennesima metamorfosi della basilica. Erdogan ha vinto tutte le consultazioni dal 2002, ma la crisi economica e il suo crescente autoritarismo lo vedono oggi in grande difficoltà. Un sondaggio nazionale gli attribuisce il 36% dei consensi, 10 punti in meno della coalizione delle forze di opposizione. Creare tensioni con l’Occidente per rafforzare la coesione nazionale e depistare le preoccupazioni create dalla crisi dell’economia: ecco allora che quella di Santa Sofia diventa l’ideale arma di distrazione di massa per il regime islamista.

TOP NEWS Opinioni
Commento
22 ore
Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema
Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
1 gior
Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano
I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
4 gior
Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza
Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
5 gior
Tra euforia finanziaria e pessimismo economico
Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
6 gior
Il diritto del ben mangiare per tutti!
Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.
Commento
1 sett
La voce da tenore e quella da bischero
Andrea Bocelli 'umiliato e offeso' dal lockdown. Al prossimo concerto, vada a spiegarlo a bresciani e bergamaschi.
Commento
1 sett
Al lupo, al lupo! Stato totalitario?
Per favore, signor deputato, anche se si può legittimamente (e ci mancherebbe!) avere un’idea opposta sull’efficacia della misura, che non si scomodi con tanta facilità lo stato totalitario liberticida.
Commento
1 sett
Un atto d’amore
La sentenza emessa ieri a favore di Mina Welby e Marco Cappato è un fatto nuovo non soltanto per l’assoluzione dei due
Commento
1 sett
La mafia fra bucalettere, bar e terreni…
In Svizzera presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine fra cui Ticino!
L'analisi
1 sett
Stati Uniti: cento giorni, ancora
Mancano poco più di tre mesi all’election day in un paese che si è polarizzato come mai prima d’ora. Trump sull’orlo dell’abisso, Biden si gode lo spettacolo..
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile