laRegione
segnali-di-fumo-da-pyongyang
L'analisi
17.06.20 - 06:300
Aggiornamento : 09:55

Segnali di fumo da Pyongyang

Calcolo e azzardo nella rappresaglia di Kim Jong-un contro Seul

La colonna di fumo che si è alzata dalle rovine dell’ufficio di collegamento tra le due Coree non è ancora l’innesco di un incendio; ma in cenere, insieme all’edificio inaugurato (in territorio nordcoreano) appena due anni fa, sono finite le residue illusioni sulle “prospettive di pace” tra Pyongyang e Seul favorite dalla “visione” di Donald Trump. Ammesso che qualcuno si fosse illuso, naturalmente.

A determinare la rabbiosa reazione di Kim Jong-un sarebbe stato il lancio verso il territorio nordcoreano di palloncini con allegati volantini di propaganda (ma anche chiavette usb, micro-radio, alimenti) da parte di espatriati al Sud. Ma anche tenuto conto dell’infima soglia di tolleranza del regime di Pyongyang nei confronti di tutto ciò che può attentare alla propria immagine, non si può liquidare l’episodio come una manifestazione di iperreattività da bullo del “giovane leader”, deciso oltretutto a tacitare definitivamente le voci che lo volevano male in arnese e non più nei pieni poteri.

In effetti, da tempo gli analisti sottolineavano la crescente insofferenza di Kim per la stasi nelle dinamiche che solo due anni fa lo avevano elevato a interlocutore diretto della maggiore potenza mondiale. Ricondotto, più o meno, nella condizione di paria internazionale, senza una prospettiva di allentamento delle sanzioni a cui il proprio Paese è sottoposto, Kim – non nuovo a questi exploit – avrebbe cercato e colto l’occasione per rimettersi al centro del discorso. Per acquisire posizioni di forza sul piano negoziale, e per confermare il registro della propaganda interna (obiettivo, quest’ultimo, tanto più urgente se sono vere le notizie di una drammatica e prolungata penuria di alimenti anche nella capitale). 

Non la fiammata di un giorno, dunque. Prima del botto di ieri c’era stata l’interruzione di tutte le linee di comunicazione con il Sud; e ad essa (ha minacciato lo stato maggiore nordcoreano) potrebbe seguire l’invio di truppe nell’area smilitarizzata in seguito all’accordo del 2018. E naturalmente bisogna attendersi la “risposta” a cui la Corea del Sud è in qualche modo tenuta. In una prima dichiarazione, il governo del presidente Moon ha lamentato la “distruzione delle speranze di pace nella penisola”, avvertendo che il suo Paese reagirà “fermamente” se Pyongyang seguirà a far peggiorare la situazione.

Come in occasione dei test missilistici nordcoreani, c’è molta ritualità in tutto ciò, ma ben pochi azzardano scenari certi sulla piega degli avvenimenti che seguiranno. Nessuno, nemmeno Kim ne ha certezza. La via bilaterale lungo la quale sembrava averlo sedotto Trump, si è rivelata fallimentare. Il resto lo fanno la mancanza di visione e il cinismo dei Paesi vicini e più direttamente interessati a una composizione del conflitto (a partire dalla Corea del Sud, combattuta tra autentica volontà di riconciliazione, tentazione egemonica e indisponibilità a farsi carico dei parenti poveri). Il resto, cioè il peggio.

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
6 min
Santa Sofia come arma di ‘distrazione’ di massa per Erdogan
La conversione in moschea dell'ex basilica per creare tensioni con l’Occidente, per rafforzare la coesione nazionale e depistare le preoccupazioni economiche
Commento
3 ore
Se il Giardiniere senza gamba piange...
Amputare una gamba a una sua creazione/creatura è come amputarla all'artista e a chi ama l’arte
Commento
1 gior
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
1 gior
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
2 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
3 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
3 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
4 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
4 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
5 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile