laRegione
IL COMMENTO
laR
 
09.12.22 - 05:15
Aggiornamento: 17:00

A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza

L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr

a-palazzo-federale-trionfa-la-concordanza-e-la-maggioranza
Keystone
Il Consiglio federale nella sua nuova composizione
In questo articolo si parla di:
  • Qualche stoccata al Ps, Baume-Schneider incoronata a sorpresa, ma l’elezione dei due nuovi membri del Governo si è svolta in modo del tutto ordinato
  • L’anomalia di un lobbista del petrolio e dell’auto al volante del dipartimento ambiente ed energia

C’è un’anomalia nel Consiglio federale (una quasi inedita maggioranza latina); anzi, due (anche l’assenza di rappresentanti delle regioni con grandi città), pardon, tre (mancano pure i Cantoni ‘ricchi’ che contribuiscono alla perequazione finanziaria). Ma esagera chi afferma che la sorprendente elezione della giurassiana Elisabeth Baume-Schneider (Ebs) provoca "un danno irreparabile" (‘Watson’), o anche solo che quella di mercoledì "non è una buona giornata per la Svizzera" (‘Tages-Anzeiger’). L’essenziale è esserne consapevoli, continuare a parlarne. E non abbassare la guardia sul fronte dell’equilibrio linguistico e regionale. La Costituzione federale lo sancisce anzitutto per proteggere le minoranze, certo. Ma questo non significa che le legittime istanze della maggioranza, germanofona e urbana, debbano passare in secondo piano. Siamo tutti sulla stessa barca. Dunque le anomalie, presto o tardi, andranno corrette.

Piccoli strappi a parte, questo duplice rinnovo dell’Esecutivo – e la ripartizione dei dipartimenti che ne è seguita – è un trionfo della concordanza.

In fondo sono passati soltanto 15 anni dall’estromissione di Christoph Blocher dal Consiglio federale. Eppure sembra un’altra epoca. Per dirne una: è stata un’Assemblea federale a maggioranza borghese e germanofona a eleggere la ex marxista giurassiana Baume-Schneider e non Eva Herzog, esponente dell’ala social-liberale del Ps. Più svizzero di così.

Pandemia, guerra in Ucraina, crisi energetica: di recente abbiamo tutti visto un Consiglio federale alle corde. Il contesto era poco propizio per esperimenti ai più alti livelli dello Stato. E poi mancano dieci mesi alle elezioni federali: i partiti non hanno alcun interesse a farsi sgambetti che potrebbero pagare caro più in là. Qualche affondo c’è stato, sì, contro il Ps. Ma con armi per lo più spuntate, giusto per marcare presenza. Come la minaccia – subito rientrata – del Plr di non votare la francofona Ebs. O il teatrino attorno alla candidatura – mancata, poi rispuntata mercoledì e alimentata da chi non si è attenuto al ticket ufficiale, come promesso dai suoi partiti – di Daniel Jositsch. Oppure ancora i pochi voti andati, a mo’ di punizione, al neopresidente della Confederazione Alain Berset.

Contorno. L’essenziale è questo: la composizione politica del Consiglio federale non è praticamente mai stata un tema (ma tra un anno potrebbe essere un’altra storia); sono stati eletti due candidati ufficiali, nessun serio ‘Wildkandidat’ (selvaggio) ha fatto capolino; i papabili di due partiti (Udc e Ps) che sullo scacchiere politico stanno agli antipodi hanno spergiurato a non finire di voler rispettare la ‘collegialità’; Albert Rösti ed Ebs sono politici tutto sommato moderati, non puri e duri soldati di partito, il che la dice lunga sulla normalizzazione in corso, in particolare su quella del primo partito del Paese (la ‘Nzz’: ‘Dopo quella di Guy Parmelin, l’elezione di Rösti è un passo ulteriore nell’evoluzione dell’Udc verso un partito normale").

Poi c’è la ripartizione dei dipartimenti. Rapida, «consensuale», nel segno della «continuità», ha assicurato Ignazio Cassis. Non come a fine 2018, con imbarazzanti rinvio e voto. Sarà anche «un buon segno per il Paese, per la fiducia nel Governo» (sempre il presidente della Confederazione). Ma l’anomalia – creata dalla maggioranza Udc/Plr in Consiglio federale – di un ministro democentrista, (ex) lobbista del petrolio e dell’auto, al volante del dipartimento ambiente ed energia, sta lì a ricordarci che il consenso è sempre espressione di precisi rapporti di forza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
14 ore
L’altra battaglia nel cuore di Mosca
Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
1 gior
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
2 gior
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
4 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
4 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
5 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
6 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
6 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 sett
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
1 sett
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
© Regiopress, All rights reserved