laRegione
IL COMMENTO
laR
 
26.11.22 - 05:30

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale

di Giuseppe D’Amato, a cura di Giuseppe D’Amato
diplomazia-in-scacco-in-una-guerra-che-si-incancrenisce
Keystone
Missili russi saono piovuti oggi anche su Kiev e dintorni
In questo articolo si parla di:
  • La situazione sul terreno al momento è favorevole agli ucraini
  • Vane finora le pressioni occidentali su Kiev a scendere a più miti consigli

Non facciamoci illusioni: la pace in Ucraina non è affatto dietro l’angolo. L’unica novità negli ultimi tragici giorni è che i militari e le intelligence russa e americana siano tornati a parlarsi dopo mesi di preoccupante silenzio.

Come dimostra il missile finito in Polonia, il rischio di "incidente" tra Mosca e l’Occidente resta altissimo, tanto che qualcuno ha persino agitato lo spauracchio dell’Apocalisse nucleare.

Le diplomazie continuano a non trovare la strada per uscire dal presente vicolo cieco. Anzi, comunicano fra loro per ultimatum. Mosca e Kiev pongono l’un l’altra condizioni inaccettabili per sedersi al tavolo delle trattative. La ragione è semplice: il conflitto russo-ucraino dura dal febbraio 2014 e le tregue, che vi sono state finora, hanno rappresentato una fregatura.

Dal punto di vista della politica interna sia Putin sia Zelensky non sono oggi nella condizione di inserire la retromarcia. Il russo ha visto la sua "Operazione speciale" fare passi falsi a ripetizione e Kherson – l’unico capoluogo di regione preso sotto controllo dai militari federali in primavera e poi annesso alla Russia in settembre con un referendum – è tornato nelle mani di Kiev. Il presidente ucraino ha altresì promesso al suo popolo di buttare fuori i vicini invasori e non può fermarsi prima. Altrimenti sia lui che Putin perderanno il potere e non solo la fiducia della gente.

Militarmente la situazione sul terreno è al momento favorevole agli ucraini. La tecnologia occidentale superiore ha costretto i russi alla ritirata e difficilmente i 300mila mobilitati riusciranno a fermare la riconquista di Kiev. Troppa la differenza di motivazioni, di addestramento e di armamento.

Soltanto il "generale inverno" rallenterà ora le operazioni, mentre Mosca tenterà di riorganizzare le proprie fila. Poi Zelensky lancerà i suoi verso lo strategico crocevia di Melitopol e verso Mariupol, il mare di Azov, preparandosi ad assaltare la Crimea. E allora sì, che saranno dolori! Maggiori degli attuali.

Queste posizioni contrapposte cozzano contro una realtà quotidiana che si fa sempre più pesante e pericolosa. Col passare del tempo le distruzioni in Ucraina aumentano e le sofferenze al freddo della popolazione civile – con poca energia elettrica a disposizione, quasi senza riscaldamento, – accrescono la rabbia per un conflitto il cui termine non si vede proprio all’orizzonte.

Le pressioni occidentali su Kiev a scendere a più miti consigli si scontrano con la certezza ucraina che sia arrivato il momento tanto atteso per vincere definitivamente la partita col Cremlino.

Il memorandum di Budapest del 1994, che garantiva l’integrità territoriale del Paese in cambio della consegna dell’arsenale nucleare sovietico, è stato violato dalla Russia, firmataria di tale documento, per ben due volte negli ultimi 8 anni. Nessuno vuole concedere a Mosca la terza possibilità.

E se gli occidentali dovessero ridurre gli aiuti, è certo che gli ucraini proseguiranno lo stesso le ostilità. A nulla valgono le promesse di ricostruire il loro Paese coi soldi russi congelati all’estero. Questo è un conflitto ideologico: dollari, euro o rubli non smuovono le coscienze. Ed è ormai troppo il sangue già versato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
La formica rossa
15 ore
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
15 ore
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
2 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
2 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
3 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
4 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
4 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
5 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
© Regiopress, All rights reserved