laRegione
laR
 
28.09.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:14

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni

cassa-malati-sogno-o-chimera-di-un-pomeriggio-autunnale
Keystone
Il consigliere federale Alain Berset durante la conferenza stampa a Berna, quella vera
  • Alcuni problemi strutturali andrebbero, una volta per tutte, affrontati dalla politica federale
  • C’è però un grosso conflitto che sta a monte della questione 

Ho fatto un sogno. Alain Berset entra nella sala stampa di Palazzo federale, si sbottona la giacca e prende il suo posto. Il portavoce Simonazzi è pronto per le solite premesse, ma viene bloccato dal ‘ministro’ della Sanità: oggi niente introduzione. "Gentili signore, egregi signori, sono qui per comunicarvi che il Consiglio federale ha raggiunto un accordo con gli assicuratori malattia – annuncia Berset –. Le casse hanno deciso di procedere a un importante scioglimento delle riserve in eccedenza, anziché destinarle alla speculazione sui mercati finanziari: ciò renderà possibile compensare interamente il prospettato aumento dei premi per il 2023". I giornalisti restano attoniti. Qualcuno dalle ultime file riesce a porre una domanda: come si spiega questa decisione? A rispondere sono i presidenti delle due principali organizzazioni mantello delle casse malati, il ‘senatore’ Josef Dittli di curafutura e il consigliere nazionale Martin Landolt di santésuisse: "Si tratta di un gesto patriottico, resosi indispensabile viste le difficili circostanze che stiamo attraversando; un contesto che sta mettendo in serie difficoltà tante famiglie", osserva Dittli. "Un gesto – aggiunge Landolt – totalmente compatibile con la nostra mission (nel sogno lo dice pure in inglese), che è quella di tutelare la salute dei nostri assicurati".

No, le cose non stanno così. La conferenza stampa a Berna, quella vera, è senz’altro un brutto risveglio: a livello nazionale l’aumento medio dei premi l’anno prossimo sarà del 6,6%, in Ticino addirittura del 9,2%. Le motivazioni sono diverse: da un lato gli strascichi finanziari della pandemia. Dall’altro questioni strutturali che andrebbero, una volta per tutte, affrontate dalla politica federale: l’incremento dei costi legato al progressivo invecchiamento della popolazione, la mancata entrata in vigore del progetto Efas per la ripartizione delle spese delle cure ambulatoriali, il sovraconsumo di prestazioni e la sovrabbondanza di offerta sanitaria che si alimentano reciprocamente.

C’è però un grosso problema che sta a monte. Lo ha spiegato bene a ‘laRegione’ pochi giorni fa il consigliere di Stato Raffaele De Rosa: il direttore del Dss ha parlato esplicitamente di un conflitto d’interessi nel modello del parlamento di milizia. "Il sistema non è più sostenibile, il lobbista partecipa e dibatte incassando pure il gettone di rappresentanza dalla cassa malati per cui lavora". Per De Rosa tali persone "non dovrebbero né votare né discutere su questa materia". Invece lo fanno.

È chiaro che le casse malati non sono l’unico caso in cui si manifesta tale conflitto, ma resta uno degli esempi più eclatanti. Il potere legislativo, d’altronde, non è altro che il terreno politico in cui si confrontano interessi contrapposti già presenti nella società civile; risulta evidente quanto, in un simile consesso, le ingerenze – le famose ‘lobby’– siano intrinseche al sistema.

Per ritrovare un’assemblea legislativa "pura" bisognerebbe forse viaggiare nel tempo fino all’Atene di Pericle. Ma anche lì, il diritto di voto riguardava soltanto i "cittadini". Personaggi che potevano dedicare il loro tempo alla politica dal momento in cui il loro sostentamento era garantito dalla proprietà della terra e dal lavoro degli schiavi.

Purtroppo l’ideale di un parlamento di milizia che legiferi nell’interesse collettivo della cittadinanza, più che un sogno, sembra essere oggi una vera e propria chimera.

Leggi anche:

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

De Rosa tuona: ‘Casse malati e lobby a Berna, più trasparenza’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
13 ore
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
1 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
3 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
4 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
4 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
5 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
6 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
© Regiopress, All rights reserved