laRegione
laR
 
27.09.22 - 05:30
Aggiornamento: 19:06

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile

l-era-del-tofu-merluzzato
Casini esulta, esulta sempre (Keystone)
  • Casini, imposto a Bologna in cima alla lista Pd, spiega tante cose di come (non) funzionano le elezioni in Italia
  • Poi finisce che gli elettori provano Giorgia Meloni, come l'ennesimo piatto in un ristorante di terz'ordine

I dietrologi, i politologi a gettone con i moduli ormai ingialliti a cui cambiano solo i nomi del leader di turno, quelli con la palla di vetro rimasta indietro come orologi dalle pile scariche che si mettono lì a spiegarci – dopo – quello che non avevano capito prima, possono dire quel che vogliono, oggi, a giochi fatti: invocare l’Apocalisse, riesumare il Ventennio, dare la colpa a Renzi, che tanto c’è abituato, o a un altro partito a caso, come stanno facendo in queste ore tutti i leader sconfitti. Ma le elezioni italiane sono una cosa semplice: un numero variabile di candidati rincorre un seggio per un’intera campagna elettorale, poi si vota e alla fine vince Pier Ferdinando Casini.

Dietro la sua ennesima elezione, in quel di Bologna – dove è stato messo capolista dal Pd, preferito, anzi imposto, rispetto a candidati più giovani e radicati sul territorio – c’è più Italia di quanta ce ne sia nella vittoria di Giorgia Meloni, che probabilmente non ha vinto perché il Paese è di destra, pronto a marciare compatto su Roma, ma perché è rimasta l’unica a non aver mai governato.


Casini con Enrico Letta (Keystone)

Gli italiani la stanno provando come si prova un piatto diverso nel solito ristorante sotto casa, dove si è già provato tutto e non ha mai davvero convinto nulla: "Ah, gli spaghetti al tofu merluzzato con pistacchio, armadillo, quercia transalpina, caffè predigerito da un paguro e sale dolce? Sfiziosi, li provo". Una cosa così. Poi, che un piatto del genere non sia una delizia si capisce già dal mix di ingredienti, se ci pensi un attimo, ma ci sarà sempre qualcuno che vuole assaggiarlo.

Sia chiaro, Meloni di destra lo è, e si accompagna a tangheri della peggior specie, gente che pensa che fare il saluto romano sia una cosa normale. Anzi, a dirla tutta, i toni e i temi non sono da centrodestra – come ci si ostina a definire Fratelli d’Italia in Italia –, ma da estrema destra, come sottolineano i giornali anglosassoni, che almeno chiamano le cose col loro nome. Ma tra parole (anzi urla) e fatti ce ne corre.

Torniamo a Casini, politico di lungo corso entrato in Parlamento per la prima volta nel 1983 tra i democristiani, il partito che era tutto e niente. Casini è stato eletto negli anni con la Dc, il Ccd, il Cdu, la coalizione di Berlusconi, la Lista Monti, il centrosinistra, da sposato, da single, da risposato e da divorziato, lui, cattolico devoto. Non stupirebbe ritrovarselo prima o poi a Berna, o con uno scranno all’Assemblée Nationale, in Francia, come Garibaldi (senza i meriti di Garibaldi). Casini non è di destra né di sinistra, essendo tutto, a seconda della convenienza.


Ai tempi del tridente co Berlusconi e Fini (Keystone)

La maggioranza degli italiani è come lui, ma sta dall’altra parte della barricata, quella in cui si vota, non quella in cui si è votati: pensa a sé, rifiuta una visione d’insieme e può essere di destra al mattino e di sinistra la sera. Voterebbe Pol Pot, Godzilla, Mefistofele e perfino Meloni in cambio di uno strapuntino, un favore personale, una fila saltata – per un documento in Comune o una visita in ospedale – per sentirsi potente, nel suo piccolo, proprio come Casini.

L’italiano medio va dove lo porta il vento, mette una croce qua e se non funziona poi la mette là, e se non funziona ancora si affida alla sorte e ricomincia il giro della scheda, come se fosse un ‘gratta e vinci’. Casini però il vento non lo subisce, lo annusa in anticipo, e alla fine vince sempre, anche quando il suo partito perde, tanto mica è suo. Che gli frega. Si fa dare un passaggio in Parlamento e poi lo cambia.


Coalizione col Dalai Lama? (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
12 ore
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
1 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
3 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
4 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
4 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
5 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
6 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
© Regiopress, All rights reserved