laRegione
14.09.22 - 05:15
Aggiornamento: 14:35

Chi è laRegione a trent’anni? Un adulto in maglietta

Lavoriamo con la massima serietà (senza mai tradire però la nostra essenza) per permettere alla cittadinanza di costruirsi una propria opinione sui fatti

chi-e-laregione-a-trent-anni-un-adulto-in-maglietta
Ti-Press
Nati il 14 settembre 1992

Il 1° gennaio 1992 la Russia rende ufficiale la sua indipendenza dall’Unione Sovietica, che in verità era già stata sciolta dal suo parlamento sei giorni prima. Il 15 gennaio Slovenia e Croazia ottengono la loro indipendenza, riconosciuta da diversi Paesi occidentali, dando avvio alla dissoluzione della Jugoslavia. Il 26 dello stesso mese Boris Eltsin e George Bush annunciano di voler smettere di puntarsi a vicenda con armi nucleari. Due giorni dopo viene creata la bandiera ucraina, quel gialloblù che oggi è il simbolo della lotta di Kiev contro l’invasore russo. Il 7 febbraio i dodici Stati della Comunità economica europea firmano il Trattato di Maastricht. L’11 la giuria popolare di Indianapolis dichiara Mike Tyson colpevole di stupro. Il 14 marzo chiude lo storico quotidiano sovietico ‘Pravda’ (Comano non c’entra niente). Il 31 il re Juan Carlos nella sinagoga di Madrid abroga il decreto che cinquecento anni prima aveva condannato all’esilio gli ebrei spagnoli (scappati sulle navi di Cristoforo Colombo?). Il 6 aprile le forze armate serbo-bosniache iniziano l’assedio della città di Sarajevo. Il 26 giugno la nazionale danese di calcio diventa campione d’Europa, dopo essere stata invitata alla competizione in extremis a seguito dell’esclusione della Jugoslavia per via della guerra nei Balcani. Il 13 luglio Yitzhak Rabin diventa il primo ministro di Israele, e sappiamo tutti come è andata a finire poi. Il 25 luglio iniziano e il 9 agosto si chiudono i Giochi olimpici a Barcellona. Il 14 settembre nasce laRegione.

Sono dunque trent’anni. Quelli di un giovane adulto. Un adulto giovane. Che riflette, che verifica, che racconta, che spiega, che approfondisce, che commenta, che indaga, che critica. Ecco chi siamo. O meglio, chi cerchiamo di essere.

Dopo tre decenni, possiamo dire che un po’ di storia l’abbiamo vissuta. E che ce n’è ancora tanta da vivere. Come molti trentenni siamo un po’ maturati, ma senza perdere quell’entusiasmo e quella determinazione tipica dei ragazzi. Anche una certa spontaneità (c’è chi la chiamerebbe sfacciataggine). Basta passare un giorno in redazione per capire cosa s’intende: quando fa caldo indossiamo i pantaloni corti e i sandali (a dire il vero c’è anche chi le Birkenstock le porta pure quando fa freddo, ma è un caso un po’ particolare). In inverno mettiamo il maglione. Dobbiamo essere proprio costretti per farci vedere col completo (oggi mi tocca, ahimè, per andare da Cassis). Altrimenti qui in newsroom gira una bella collezione di t-shirts: i Peanuts, Einstein, la DeLorean, i gin tonic, il Newell’s Old Boys e chi più ne ha più ne metta. Forse questa è una buona metafora di ciò che siamo: adulti in maglietta. Che lavorano con la massima serietà, senza mai tradire però la propria essenza. Quell’essenza che diventa un cumulo di valori condivisi. Prima dentro, come gruppo di donne e uomini che collaborano insieme per raggiungere degli obiettivi comuni. E poi fuori, dove questi valori si materializzano in uno sguardo sul Ticino e sul mondo. Da quello sguardo nasce ogni giorno il quotidiano che avete fra le mani. Che non cerca minimamente di essere detentore di qualsivoglia verità.

A ‘laRegione’ informare vuol dire aiutare la cittadinanza a costruirsi una propria opinione sui fatti che accadono vicino e lontano da noi. È di questo che si tratta: trent’anni fa, oggi e anche domani.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
5 ore
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
1 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
3 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
4 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
4 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
5 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
5 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
© Regiopress, All rights reserved