laRegione
laR
 
27.08.22 - 05:30

Preventivi, consuntivi e il potere delle cifre

Passa l’impressione, nell’ambito della gestione delle finanze cantonali, che si sia deliberatamente pessimisti al momento di presentare i budget

preventivi-consuntivi-e-il-potere-delle-cifre
Ti-Press
Meglio così, ma solo in parte

Che le cifre contenute nel Preventivo 2022 e nel Piano finanziario 2023-2025 fossero un po’ troppo pessimistiche, lo si poteva intuire sin da subito. I documenti-guida della politica economica cantonale sono stati allestiti dal Dfe e presentati dal governo a fine settembre 2021; il contesto imponeva allora una certa cautela: gli strascichi della pandemia pesavano sulle finanze pubbliche e non era ancora del tutto chiaro quanto potesse essere vigorosa e duratura la ripresa in corso, con i primi segnali di tensione nella catena degli approvvigionamenti che cominciavano già a manifestarsi.

La cautela è stata pure ribadita questa settimana dal consigliere di Stato Christian Vitta nella presentazione dell’aggiornamento dei conti 2022, aggiornamento che vede più che dimezzato il disavanzo di esercizio per l’anno corrente: un miglioramento di 40,6 milioni di franchi rispetto al preconsuntivo di fine aprile, nonché uno scostamento di oltre 70 milioni rispetto al Preventivo approvato dal parlamento. Anche nel 2021, per citare il caso più recente, è accaduto qualcosa di simile: si era partiti da -231 milioni per poi chiudere a -58.

Meglio così, viene da dire. Ma solo in parte. Perché in effetti un problema di fondo rimane: le previsioni del Dfe sono uno strumento fondamentale per l’elaborazione delle politiche economiche e, in quanto tali, ne condizionano il dibattito. Le ipotesi formulate nei preventivi e nei piani finanziari sono delle stime che scaturiscono dalla ponderazione di diverse variabili, molte delle quali comprendono un ragionamento politico e non soltanto tecnico. Cosa s’intende? Chi abbia mai gestito la ‘cassa’ in un ente pubblico o in contesti non-profit lo sa bene: le cifre hanno il potere di moderare le aspettative. Passa quindi l’impressione, nell’ambito della gestione delle finanze del Canton Ticino, che si sia deliberatamente pessimisti al momento di presentare i budget.

La replica è scontata: le stime si basano su calcoli matematici, che prendono in considerazione i dati a disposizione al momento di elaborare le previsioni. La matematizzazione dell’economia è, in effetti, un "vecchio trucco" del neoliberismo: il rigore scientifico che viene attribuito a schemi e grafici mira a rendere incontestabili le loro conclusioni. Si tenta, insomma, di far passare l’economia per scienza esatta quando questa rimane essenzialmente sociale.

Ecco un esempio concreto delle conseguenze che comporta questo modo di procedere: "Per poter fare fronte ai bisogni della società, occorrerà un intervento attivo della politica per riportare le finanze su un binario di equilibrio", scriveva Vitta a fine settembre 2021. Da lì al Decreto Morisoli ci è voluto un attimo.

Resta il fatto che dopo aver chiuso l’anno scorso a -58 milioni di franchi, con una previsione per il 2022 a -64,7 e con il già anticipato obiettivo di un Preventivo 2023 con un deficit massimo di 80 milioni, lo spauracchio del mancato rispetto già dal prossimo anno del ‘Freno al disavanzo’ diventa completamente infondato.

In tutto questo è imminente, si dice, la presentazione del Messaggio per la riforma della Legge tributaria, quella che regola la principale fonte di entrate dello Stato. "I decreti lacrime e sangue si fanno dopo il preventivo, gli sgravi ai ricchi dopo il consuntivo", ha scritto in questi giorni dal suo rifugio social un acuto osservatore della realtà ticinese. Non sia mai che abbia pure ragione.

Leggi anche:

Preconsuntivo, il deficit aggiornato cala ancora: -64,7 milioni

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
6 ore
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
1 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
3 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
4 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
4 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
5 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
6 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
© Regiopress, All rights reserved