laRegione
laR
 
26.08.22 - 05:30
Aggiornamento: 11:37

Ps, una copresidenza con le redini in mano è un bene per l’area

La decisione di non aspettare più le firme della mozione interna sulla conferenza cantonale mostra Riget e Sirica forti e convinti delle loro scelte

ps-una-copresidenza-con-le-redini-in-mano-e-un-bene-per-l-area
Ti-Press
Una prova di forza interna, ma anche esterna

La decisione della direzione del Partito socialista di prendere in mano la situazione, anticipare la minoranza interna e raccogliere essa stessa le firme per convocare la conferenza cantonale in merito alla strategia da seguire per la lista rossoverde nella corsa al Consiglio di Stato, è un atto di responsabilità e di forza cui bisogna dare merito. Per due motivi.

Il primo mostra che, così facendo, Laura Riget e Fabrizio Sirica hanno in mano il partito e che, oltre alla volontà e alla convinzione di portare a compimento questo progetto di lista unica progressista, hanno anche la fiducia necessaria nel fatto che la base e gli iscritti sosterranno in maniera massiccia l’accordo raggiunto con i Verdi, vale a dire due posti a testa e un quinto da scegliere insieme nella società civile. Anche perché ha ragione chi sostiene che l’unica alternativa a questa strategia sia l’andare da soli, dal momento che i Verdi hanno chiarito più volte come con tre nomi Ps in lista – è questa la richiesta della mozione interna socialista – ogni discorso si fermerebbe, arrivederci e grazie.

Il secondo motivo, altrettanto importante, consiste nel fatto che una presidenza di partito non può e non deve sottostare né a dei diktat né a dei logoramenti interni, ma tenere le redini e difendere le proprie convinzioni in ogni momento democratico interno possibile. Di questa mozione si parla ormai dal 6 luglio. E gli scenari possibili, dietro il silenzio dei mozionanti, sono due: o in questi quasi due mesi non sono riusciti a raggiungere le 55 firme necessarie (un ventesimo degli iscritti, poca cosa) oppure le hanno raggiunte e il tentativo – prima della mossa della direzione – era quello di giocare col calendario per arrivare a convocare la conferenza cantonale il più vicino possibile al congresso. Logorando, si diceva, nomi, strategie e progetti portati avanti dalla direzione. O un eccesso di ambizione, o una mancanza di eleganza.

La politica ha le sue regole, la battaglia politica ne ha anche di poco cristalline. Nella storia del socialismo ticinese le frizioni sono state ben altre e di ben altra caratura e importanza. Ma era il 28 aprile del 2021 quando Sirica, commentando in comitato cantonale le elezioni comunali appena celebrate, disse testuale che "queste elezioni hanno dimostrato che dove i dirigenti non fanno le alleanze, alla fine le fanno gli elettori". L’unanimità con cui il parlamentino socialista a metà giugno ha dato il via libera alla trattativa con i Verdi conferma quanto avvenuto nell’area in questo ultimo anno, sia a livello parlamentare sia a livello di politica locale. A fronte della sicurezza del partito ecologista nel dire che se cambiano gli accordi salta tutto, pare avventato mettere a repentaglio l’alleanza con argomentazioni che non paiono così solide.

Sostenere, ad esempio, che il Ps debba avere tre posti su cinque perché al governo da 100 anni mostra un ancorarsi al passato che poco ha a che vedere con un nuovo progetto d’area che – lo sintetizza il documento della direzione del Ps – guarda al futuro e al medio-lungo termine. Se si è convinti dell’importanza di un seggio socialista in governo, quel seggio lo si conferma non dividendo ma unendo, andando con il proprio nome di punta in strada, alle bancarelle, nelle sezioni, comunicando la propria idea di società. Non con l’aritmetica e i due o tre seggi. E nemmeno con manovre interne – ed esterne – al partito che non rendono onore all’importanza della posta in gioco.

Leggi anche:

Area rossoverde, il Ps farà la conferenza cantonale per la lista

Il Ps: ‘Lista unica verso l’accordo. Due posti noi, due i Verdi’

Mozione in casa Ps: ‘Lista con i Verdi? Sì ma con 3 dei nostri’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
1 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
2 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
2 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
3 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
4 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
5 gior
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
6 gior
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 sett
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
© Regiopress, All rights reserved