laRegione
il commento
laR
 
18.08.22 - 05:30
Aggiornamento: 14:17

I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha

Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico

i-replicanti-del-pd-la-criniera-logora-chi-non-ce-l-ha
Enrico Letta, uomo della restaurazione Pd (Keystone)

È iniziata con le liste elettorali del Pd ed è finita con la pasionaria dei diritti civili Monica Cirinnà – mezza silurata e atterrata in un collegio non sicuro – che nel giro di qualche ora sbatte la porta, torna, si autodefinisce tigre "con la criniera" (ne avete mai vista una?) e "gladiatore pronto a combattere", con un senso della misura e della realtà ormai alla deriva, in cui si scambia Montecitorio con il Colosseo di un paio di millenni fa, la tigre con il leone e i diritti degli altri con il proprio, sì, quello di sedere in Parlamento a prescindere.

Bisognerebbe parlare di politica, ma nel Partito democratico non ci si riesce più da un pezzo, perché – semplicemente – la politica non la si fa. Il Pd, come dimostra la scelta dei candidati – talmente urticante per i propri elettori da far pensare che la lista gliel’abbia passata qualcuno di destra – è ormai un simulacro di un partito, un ingombrante carrozzone impegnato a non lasciare ad altri la propria posizione vantaggiosa (quella della sinistra progressista non estrema): un po’ come quelle famiglie extralarge che si piazzano al mattino presto in spiaggia con il gazebo e le borse frigo grosse come ghiacciaie di un ristorante: "C’eravamo prima noi". E ti guardano pure male.


Monica Cirinnà (Keystone)

Il Pd come "apparato" di stampo sovietico, in cui a premiare è innanzitutto la fedeltà al leader, in questo caso Enrico Letta, uno scelto appositamente dall’apparato per autoreplicarsi dopo la parentesi Renzi, che avrà avuto tanti difetti, ma almeno stava per rottamare una classe politica che si era rivelata totalmente inadeguata.

Invece sono ancora tutti lì, ognuno paracadutato in un seggio sicuro, sebbene lontano da casa (dove invece li conoscono bene): l’eterno ministro dei Beni culturali Franceschini, ferrarese candidato a Napoli, che mette la foto-cartolina del Vesuvio; Fassino, candidato in Veneto, perché nella sua Torino ormai è bruciato; le candidature al Sud telecomandate da Michele Emiliano. C’è spazio anche per i sindacati, che in Italia hanno perso quasi tutte le loro funzioni (infatti gli operai votano quasi tutti a destra), salvo una, quella di fare da trampolino politico per i loro leader: l’ex segretaria della Cgil Susanna Camusso (altra rottamata mancata) e perfino quella della Cisl Annamaria Furlan, non si sa mai.

Letta ha fatto fuori alcuni ex renziani rientrati alla base (Lotti e Morani in primis) consumando una vendetta, sì politica, ma di bassissima lega, rivolta più al regolamento di conti interno che all’interesse di chi va a votare. Capolista per il collegio Europa – e quindi in Svizzera – c’è anche il virologo diventato star della tv (Crisanti), più qualche foglia di fico "under 35" al Sud, necessaria a salvare le apparenze e qualche seggio altrimenti a rischio (a dimostrazione che chi sa lavorare bene sul territorio i voti li prende): li chiamano "giovani", come se fossero teenager, non uomini e donne fatti e finiti. Li sfruttano per tirare su qualche voto, poi quando ci sarà da distribuire le poltrone torneranno – verosimilmente – nel dimenticatoio.

Intanto, la gladiatoria Cirinnà, l’autoproclamata tigre con criniera, parla dell’hinterland romano in mano alle destre come "territorio inidoneo ai miei temi". Eppure è proprio lì, dove nessuno più ti ascolta, che ci sarebbe bisogno di ricominciare, porre nuove basi per un partito di sinistra, uno vero, non uno che – come ormai accade da troppi anni – vince anche quando perde, perché restano sempre abbastanza poltrone per chi deve esserci.


Tigre che ha ordinato una criniera su Amazon? (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
12 ore
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
© Regiopress, All rights reserved