laRegione
26.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:33

Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto

Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei

chi-parla-in-corsivo-chi-offende-in-grassetto
Fenomeno social, fenomeno da baraccone, fenomeno e basta

Si chiama Elisa Esposito, ma non serve necessariamente che ci ricordiamo il suo nome. Da settimane spopola sui social, e sempre più anche sui media tradizionali, ma in qualità di ‘professoressa di cörsivœ’. Non il solito reggaeton o un qualche calciatore autore del colpaccio al 92esimo. Tormentone e personaggio rivelazione dell’estate al contempo è questa giovanissima milanese che, grazie a TikTok prima e a YouTube poi, è riuscita nell’impresa di risvegliare l’appetito di quei leoni da tastiera bramosi di prede civili, dopo l’indigestione politica fra Putin e Zelensky, fra Johnson e Draghi. Ma a suo vantaggio.

Neanche ventenne, Elisa è diventata virale su TikTok a inizio giugno grazie a un breve video nel quale si rivolgeva al suo ragazzo in una sorta di cantilena avvitando e maltrattando principalmente le vocali. Il cörsivœ, appunto. "È una parlata delle milanesi e dei milanesi figli di papà, che vanno a fare l’aperitivo in centro", spiega lei. I milioni di visualizzazioni in poche settimane la inducono a spostarsi su YouTube per un pubblico più generalista, diciamo. È qui che si passa dalla presa in giro (apparentemente) casuale al personaggio vero e proprio: una ‘professoressa’ finto snob con occhiali di ordinanza che insegna a parlare in corsivo. È boom: l’aspirante proprietaria di centro estetico rimbalza da un profilo all’altro, le pubblicazioni successive si fanno più ragionate, i followers sfiorano il milione, viene intervistata da portali e giornali, invitata in radio e tv, traduce in cörsivœ persino il terribile discorso di Giorgia Meloni in Spagna. Fioriscono le parodie, il corsivo parlato diventa un fenomeno di costume.

Ma fra le rose, anche qualche affilatissima spina per la neoregina della linguistica. Sarà per noia, sarà per invidia sociale, sarà per bullismo di branco. Sarà per incapacità di coglierne la vena comica e ironica: c’è chi è arrivato a chiedersi se l’estetista sia davvero una docente o meno. O sarà per il fatto che l’avvenente – e maggiorenne, ricordiamolo – ragazza ha anche un profilo sul social a luci rosse, OnlyFans, e quindi una dose di sessismo perbenista mettiamocela. Sarà quel che sarà, fatto sta che Elisa non è solo la ragazza più popolare del momento, ma anche quella più odiata. Decine di migliaia di commenti intrisi di livore, offese, volgarità. "Meritiamo l’estinzione"; "fai apparire la gente intelligente vicino a te (sic)"; "quoziente intellettivo ai massimi livelli, complimenti ai genitori"; per citarne alcuni evitando quelli dove le si augura di morire.

Un mare di haters quindi, nel quale la ragazza sembra nuotare comunque bene. "Boomers", li chiama lei, inserendovi genericamente tutti gli over 30. Ma dietro al dispiacere di circostanza, Elisa è tranquilla: l’ondata di disprezzo l’ha portata al successo che ambiva. Ha vinto lei. Perdono, indipendentemente dall’età, i boomers. Quelli che oggi millantano superiorità morale e intellettuale sono magari le stesse persone che dieci anni fa volevano ‘una bira e un calippo’, gli stessi che vent’anni fa avevano come idolo Pietro Taricone del Grande Fratello. Affogati nel proprio populismo e complici del successo di questo trend molto trash che tanto disdegnano. Perché le generazioni cambiano, ma alcuni limiti umani proprio no: quændö ïl sæggïoo ïndïcæ lä lünæ, löö stöltoo güærdæ ïl dïtöö.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
5 ore
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
2 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
3 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
3 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
4 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
6 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 sett
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
1 sett
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
© Regiopress, All rights reserved