laRegione
28.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 17:38

Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini

Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise

quando-le-mie-cose-ci-imponevano-i-calzoncini
Ti-Press
Occhio!

Probabilmente c’è anche chi, per questo, fra le spose, ha calcolato al minuto, per quanto possibile, la data del proprio matrimonio. In bianco. E chi ha predisposto ferie, appuntamenti dal ginecologo o dall’estetista, senza poi magari prevedere uno sbalzo di ormoni o d’altitudine, ritrovandosi al mare o al lido in calzoncini, nello studio del medico a riaggiornare la data, sul lettino della ceretta brasiliana senza nulla di fatto, soprattutto lì. ‘Torno fra una settimana’. Insomma, una donna lo sa bene e per certi versi anche il suo compagno... Più o meno, almeno lei, ne è al corrente dagli albori della propria adolescenza, quando la mamma, ancora ‘di vecchio stampo’ e palesemente in imbarazzo, la metteva a conoscenza del fatto che ‘ora puoi rimanere incinta, stai attenta!’.

Il ciclo o flusso mestruale, mestruo, menorrea, addirittura marchese, facendo riferimento al mantello scarlatto di chi aveva sangue (ops) nobile, che dir si voglia, accompagna, in media, buona parte della vita di ogni donna. Circa trentacinque anni, chi più fortunata, chi meno. Tanto normale quanto poco consueto e naturale nel gergo schietto di tante giovani ragazzine e signore di ogni età. Così "ho le mie cose", "sono in quei giorni", "ho le regole", "è arrivata la zia!" e tante altre espressioni che cambiano attraverso i tempi e i codici di avviamento postale, sono affiorate e affiorano regolarmente sulla bocca di tante per quello che era e resta, ammettiamolo, un tabù.

A sdoganare le mestruazioni ci hanno allora pensato alcune atlete. Confrontate con la pressione, non solo psicologica della gara, o della partita, calciatrici e tenniste soprattutto, hanno chiesto di bandire – da rinomati brand e sponsor tecnici internazionali a organizzatori di eventi sportivi – il candore delle loro divise preferendogli un più anonimo e ‘sicuro’ blu. La giustificazione? Un sentimento di imbarazzo e stress nello scendere in campo quando l’appuntamento agonistico combacia con ‘quei giorni’. Così le giocatrici della Nazionale inglese e le protagoniste di Wimbledon hanno prontamente trovato l’originale soluzione: alle rispettive federazioni hanno chiesto di cambiare il colore delle divise (total white) in quanto "poco pratiche", in particolare "in quel periodo del mese". E se l’Inghilterra pare acconsentire a una mediazione dal bianco alle tinte scure, dopo però gli Europei in corso, sull’erba londinese il dress code, come lo chiamano lì, è granitico da ben 145 anni. Prendi e porta a casa...

Calzoncini o gonnellina, ci sarà ad ogni modo da riparlarne, perché se nessuna Navratilova, Williams o Graf ne hanno mai sentito la necessità in quasi un secolo e mezzo, o forse non hanno avuto la spavalderia e il coraggio, diciamocelo, di farlo sapere, ora il dado è tratto e la discussione non può più fermarsi all’assurdo livello di assorbenti esterni o... interni. Tanto che qualcuno (in Francia), per i momenti più dolorosi e fastidiosi, sta già meditando un congedo mestruale offerto alle proprie dipendenti. Una proposta che in Italia si è arenata nel 2006, mentre in Spagna è stata rispolverata con la nuova legge sull’aborto. E la Svizzera? Terra di Bencic, Hingis, Del Ponte e Kambundji, è sicuramente tempo anche per i colori rossocrociati di sostenere concretamente le atlete, in quanto anche donne, contro ogni tartufismo o preconfezionato pensiero, dentro e, sempre più, fuori dal campo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
11 ore
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
© Regiopress, All rights reserved