laRegione
il commento
laR
 
09.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 09:51

Abe, l’uomo che cambiò il Giappone

Ha impresso una serie di riforme epocali, diventando il primo leader riconoscibile all’estero. Ma il prezzo è stato caro, per lui e per il Paese

di Franco Zantonelli
abe-l-uomo-che-cambio-il-giappone
Shinzo Abe aveva 67 anni (Keystone)

Fa un po’ specie, tanto da richiamare la nemesi storica, apprendere che l’ex-premier giapponese Shinzo Abe, l’uomo che nel 2017 diede il via al riarmo del suo Paese, fino ad allora impedito da un articolo costituzionale che proibiva l’acquisto di armi offensive, sia stato ucciso da un ex-militare, con una doppietta fatta in caso.

Che l’attentatore sia uno squilibrato, l’appartenente a una setta, un estremista religioso o un membro della Yakuza, la potente mafia nipponica, lo scopriranno le indagini. Appena arrestato si è affrettato a negare di aver agito spinto da motivazioni politiche. D’altronde Shinzo Abe, che apparteneva alla destra del Partito Liberal Democratico, che è stato membro del governo come il nonno prima e il padre poi, pur rimanendo una personalità influente, sicuramente l’uomo politico giapponese più noto fuori dai confini nipponici, aveva lasciato la carica di premier nel 2020, per ragioni di salute. Soffriva di un grave problema intestinale, che gli provocava lancinanti dolori. Non a caso, se andiamo a curiosare nelle foto di gruppo dei vertici internazionali, ai quali Abe intervenne quale rappresentante giapponese, spesso il suo volto appare tirato e il suo sorriso forzato.


Il momento in cui viene fermato l’assassino di Abe (Keystone)

Eppure, nei 9 anni in cui ricoprì la carica di premier, la prima volta dal 2006 al 2007, la seconda dal 2012 al 2020, seppe imprimere una svolta epocale al Giappone. Già si è detto del superamento del vincolo al riarmo, un vincolo imposto dagli alleati all’ex-potenza nipponica, che avevano sconfitto nel ’45, piegandola con le bombe atomiche. Si è trattato, volendo, di un favore fatto agli Stati Uniti, di cui il Giappone è uno dei più stretti alleati, in quell’area del Pacifico. La riforma costituzionale sulla difesa ha cambiato, in effetti, i termini dell’alleanza tra Tokyo e Washington, in funzione anti-cinese. Se prima il Giappone non avrebbe potuto intervenire in un conflitto a fianco degli Usa, se non dopo essere stato attaccato sul proprio territorio, grazie alla svolta impressa da Abe è diventato un alleato a tutti gli effetti.

Difatti il governo giapponese del successore di Abe, Fumio Kishida, è intenzionato a portare, dall’1 al 2%, il contributo del Pil alle spese per la difesa. L’altro elemento che ha fatto di Shinzo Abe la figura politica giapponese più importante dell’ultimo decennio, porta il nome di Abenomics: un misto di politica monetaria espansiva, aumento della spesa pubblica e riforme strutturali, che miravano a spingere il Giappone fuori dalla spirale deflazionistica, in cui si è trovato per decenni. Ieri, tracciando un ritratto dell’ex-premier ucciso, la Cnn ha sottolineato che sarà ricordato, soprattutto, per l’Abenomics. Questo nonostante il risultato di questa politica economica non sia stato esente da ombre. Ad esempio, nel 2020, l’anno peggiore del Covid, il Pil del Giappone è crollato del 7,8%, meno di quelli statunitense e tedesco ma ben peggiore di quello della Corea del Sud, il cui calo si è limitato al 3,3%.

In conclusione, tornando all’omicidio dell’ex-premier, le autorità nipponiche dovranno chiedersi come sia stato possibile che, in uno dei paesi più sicuri del mondo, dove circolano pochissime armi, un uomo armato abbia potuto sparare ad Abe, pur protetto da una scorta. A dire il vero disarmata.


Abe sale sul palco poco prima di essere ucciso (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
2 ore
L’altra battaglia nel cuore di Mosca
Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
1 gior
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
2 gior
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
4 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
4 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
5 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
6 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
6 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 sett
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
1 sett
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
© Regiopress, All rights reserved