laRegione
la-ricostruzione-dell-ucraina-sara-anche-un-grande-affare
Ti-Press
L’Urc2022 non ha fatto male a nessuno
laR
 
07.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:22

La ricostruzione dell’Ucraina sarà anche un grande affare

La sfida della comunità internazionale: vegliare affinché per il popolo ucraino ci sia un futuro degno, evitando derive già vissute altrove

Guardiamo il bicchiere mezzo pieno: la Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina è arrivata, si è svolta e se ne è andata senza fare male a nessuno. Pochi o nulli i disagi per i luganesi, nessun tipo di minaccia che abbia richiesto l’intervento delle massicce forze di sicurezza dispiegate sul campo (perfino qualche manifestazione di protesta è andata in scena in modo pacifico) e tanti buoni propositi messi nero su bianco nella ‘Dichiarazione di Lugano’.

Il primo punto che negli auspici formulati durante la due giorni in riva al lago sembra dato per scontato, ma che scontato purtroppo non risulta, è che per dare avvio a un processo di ricostruzione il prerequisito indispensabile è che alla fine della guerra (prima o poi le armi dovranno pure essere messe a tacere) ci sia ancora uno Stato sovrano che risponda al nome di Ucraina.

Dopo Zelensky, a Lugano anche il primo ministro Shmyhal ha parlato di cifre: secondo la previsione di Kiev serviranno 750 miliardi di dollari per rimettere in piedi il Paese dopo la devastazione causata dall’invasione russa. Calcoli provvisori, per carità, dal momento in cui la guerra è tuttora in corso e non si sa nemmeno quali saranno in futuro i confini dei territori appartenenti all’Ucraina. Ma ammettiamo pure che le cifre indicate siano quelle effettivamente necessarie. Da dove arriveranno tutti quei soldi? Quanti di quei miliardi saranno messi a disposizione a fondo perduto e quanti invece saranno dei prestiti concessi dai governi e dalle istituzioni occidentali? A quali condizioni? I vari oratori presenti alla conferenza luganese hanno discusso di una ricostruzione che dovrà andare di pari passo con un processo di riforme: indipendenza del potere giudiziario, lotta alla corruzione, rafforzamento dello Stato di diritto. Tutto supercondivisibile, a priori.

La storia insegna però che ogni volta che i grandi d’Occidente si sono imbarcati in un processo di salvataggio e ricostruzione, non necessariamente post-bellico, dietro (o meglio, davanti) ci sono sempre stati degli interessi e anche delle conseguenze. ‘Hanno fatto il deserto e lo chiamano pace’, disse l’ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis – citando Tacito – il giorno in cui la troika (Fmi, Bce e Commissione europea) lasciò Atene, dopo aver esercitato per anni una sorveglianza rigorosa sui conti ellenici. Alla fine degli anni 90 la Russia fu "salvata" con un pacchetto di aiuti del Fondo monetario per poi ricascare in una gravissima crisi economica che finì per condurre Putin al potere. Qualcosa di simile successe in Turchia nei primi anni 2000 e poi arrivò Erdogan a "mettere ordine". Gli Stati dell’Est europeo sono "rinati" grazie ai soldi dell’Unione e oggi si ritrovano tutti sotto l’ombrellone sovranista di Visegrád. Per non parlare dei Paesi del Medio Oriente "sostenuti" durante sanguinose guerre contro nemici comuni e abbandonati a sé stessi dopo il cessate il fuoco.

La ricostruzione dell’Ucraina viene oggi presentata come un "dovere morale" (Ursula von der Leyen al Palazzo dei Congressi) ed è giusto così, ma sappiamo che per molti sarà anche un grande affare. Finita la guerra, diventerà quindi una sfida della comunità internazionale vegliare affinché per gli ucraini ci sia un futuro degno, evitando derive già vissute altrove. Per un popolo che sta soffrendo l’impossibile sarebbe una beffa inaccettabile.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
erdogan putin russiaucraina shmyhal urc 2022 zelensky
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Afghanistan, la vile ritorsione per una guerra persa
La denuncia della ricercatrice Fereshta Abbasi: ‘Gli afghani vivono un incubo, vittima della crudeltà dei talebani e dell’apatia internazionale’
il commento
1 gior
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
2 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
3 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
6 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 sett
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
© Regiopress, All rights reserved