laRegione
l-urc2022-cassis-e-la-storia
Keystone
Sulla Conferenza molti dubbi sono legittimi
laR
 
04.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:12
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

L’Urc2022, Cassis e la Storia

C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità

Nella piena tradizione di una provincia viziata, spesso ostile a tutto salvo a se stessa, i neinsager ticinesi non hanno posto tempo di mezzo denunciando la Conferenza sull’Ucraina di Lugano. Qualche signora che protesta perché assieme al suo cagnolino cotonato, per ben due giorni, non potrà più zampettare verso la Piazza della Riforma all’ora dello Spritz. Qualche assiduo frequentatore di grotti e osterie che con pari levatura morale abbaia un "nüm a pagum". Come dire: la vita di milioni di persone racchiusa in un portafoglio. Non poteva mancare lo sparuto folkloristico manipolo di talebani dello stalinismo versione fast food che, con un’ignoranza dei fatti e della Storia paragonabile a quella di un palo della luce, denuncia l’aggredito e assolve l’aggressore. Infine chi, accecato dalla retorica, in quest’inizio di estate smemorato, urla il suo orrore nel vedere, con singolare messa a fuoco delle immagini, la perla del Ceresio trasformata addirittura in una città sotto assedio. Manco le micro zone rosse e blu tracciate attorno al Palazzo dei Congressi ricordassero la green zone di Baghdad.

Al di là delle acide sbuffate di incarogniti e brontoloni, sull’Urc2022 molti dubbi sono legittimi. Uno su tutti: a che serve, visto che la guerra è ancora in corso e che G7 e Ue hanno progetti simili? Con accortezza, gli obiettivi illustrati da Simon Pidoux, factotum di alto rango del Consiglio federale per l’Urc, sono poco ambiziosi ancorché importanti. E, come sottolinea la ‘Nzz’, consentiranno, al termine del super summit luganese, di evitare bilanci troppo severi. Non si tratta di "ricostruire" da subito, bensì di gettare le basi per una ripartenza. Di dare la parola alle diverse parti coinvolte (una quarantina di paesi, una quindicina di organizzazioni internazionali, rappresentanti del mondo economico) e in primis agli ucraini (in remoto con il presidente Volodymyr Zelensky, in presenza con il premier Denys Shmyhal). L’Ucraina non dovrà solo render testimonianza della sua sofferenza, ma fornire solide garanzie che una lunga tradizione di corruzione a tutti i livelli (paragonabile forse solo a quella del paese invasore) rende imprescindibili. Zelensky ha fatto indiscutibilmente meglio del suo predecessore Poroshenko, ma del coraggio esternato in guerra avrà bisogno anche nella lotta contro gli oligarchi. Kiev parla di 600 miliardi di danni di guerra, ma la stima della Banca Mondiale è molto più contenuta (60 miliardi). L’abisso tra le cifre andrà spiegato. La ricostruzione naturalmente riguarda tutti i settori della società, le ferite più profonde tuttavia sono quelle invisibili: "Ricomporre i frammenti delle vite di milioni di persone, restituire speranza alle future generazioni", sintetizza la Ong Terre des Hommes. Come dire che non si parlerà solo di "vil denaro".

Infine il dibattito sulla neutralità non può essere liquidato in modo sbrigativo. Le critiche alla politica di Berna (con in prima fila l’Udc) toccano un nervo scoperto della nostra Storia. Scendendo direttamente in campo, senza ambiguità, Ignazio Cassis e con lui il Consiglio federale hanno avviato de facto una revisione della politica di neutralità di portata storica: c’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol. Chissà che nella mente del presidente e dei ministri non siano anche riecheggiate le celebri parole dell’arcivescovo sudafricano Desmond Tutu: "Se siete neutrali in situazioni d’ingiustizia, avete scelto la parte dell’oppressore".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved