laRegione
passeggiata-scolastica-e-crepe-nella-collegialita
Keystone
Sulla stessa barca?
laR
 
02.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 10:13

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi

In Svizzera il governo non viene mandato a casa, non si va a elezioni anticipate. Lo scontro politico può essere anche duro, le animosità personali profonde. Ma il Consiglio federale resta lì al suo posto: condannato a governare, nonostante tutto. Attuare i principi della collegialità e della concordanza è un compito arduo. Improbo, se non ci fossero delle valvole di sfogo.

Una di queste è la passeggiata scolastica del Consiglio federale: un rito annuale che – spiega Michael Brupbacher in una tesi dedicata al tema – è una sorta di "lubrificante" nell’ingranaggio politico della Svizzera, uno strumento grazie al quale "le relazioni tra gli attori politici vengono curate e i conflitti propri dell’attività politica quotidiana sdrammatizzati e relativizzati". In questo senso, la tradizionale gita di inizio estate (svoltasi quest’anno nel Canton Sciaffusa e in Ticino) è destinata soprattutto a rafforzare la coesione della compagine governativa. Non solo: sancisce anche regolarmente il legame ‘alla pari’ tra il Consiglio federale, i cantoni e le autorità locali; ed è un momento unico di contatto tra l’Esecutivo in corpore e la popolazione, nel quale la democrazia diretta – tra un aperitivo, un selfie e qualche battuta scambiata con quei consiglieri federali così uguali a noi – viene per così dire messa in scena e celebrata.

Prendiamo ad esempio le fotografie scattate giovedì sul Reno, vicino alle famose cascate. Ueli Maurer e Viola Amherd, su due diverse barche, ridono di gusto e allungano la mano l’uno verso l’altra, quasi a volersi sorreggere per evitare di perdere l’equilibrio e finire in acqua; in un’altra fotografia ci sono sempre loro, la ministra della Difesa e quello delle Finanze: parlano seri, ma hanno un’aria serena. Uno guarda questi scatti e per un attimo si dimentica che i due di recente non si sono risparmiati frecciate sui media. Soltanto mercoledì, in conferenza stampa, Maurer ha messo in dubbio la capacità dell’esercito di presentare a corto termine progetti d’acquisto in grado di ‘assorbire’ l’aumento del budget voluto dal Parlamento. L’ultimo capitolo di una polemica che va avanti da mesi. "Un duello a distanza non collegiale", lo ha definito la ‘Nzz’.

Rivalità personali, indiscrezioni puntuali, divergenze di vedute esposte ai quattro venti, incursioni mediatiche più o meno unilaterali e ormai diventate "strumento di potere" (sempre la ‘Nzz’): non sono certo una novità per il Consiglio federale. Le abbiamo viste anche in passato. Ma la pandemia – e ora la guerra in Ucraina – le hanno esacerbate, mettendo a dura prova la collegialità, forse come non mai. Basti pensare a come Ueli Maurer ha rimesso in discussione pubblicamente la strategia governativa sulla gestione della crisi del coronavirus; oppure all’inopportuna apparizione del presidente della Confederazione Ignazio Cassis e della collega Simonetta Sommaruga alla manifestazione pro-Ucraina in marzo, in una gremita Piazza federale. Per Gerhard Pfister, "il Consiglio federale non funziona bene". Il presidente dell’Alleanza del Centro si aspetta che "i consiglieri federali smettano di pensare troppo spesso a come profilarsi" (‘Nzz am Sonntag’, 15 maggio 2022). "Appena arrivano delle crisi, c’è un problema", ha detto lo storico Urs Altermatt, uno dei migliori conoscitori dell’istituzione (‘Nzz am Sonntag’, 2 gennaio 2022).

Guerra in Ucraina, inflazione, penuria di elettricità, forse una nuova ondata pandemica: le crisi si moltiplicano e si accavallano; e le elezioni dell’autunno 2023 si avvicinano a grandi passi. Non sarà una passeggiata (scolastica) per il Consiglio federale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
collegialità consiglio federale ignazio cassis ueli maurer viola amherd
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
5 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved