laRegione
la-corte-suprema-usa-e-i-suoi-imam
Keystone
Non si placano le proteste dopo la sentenza della Corte suprema
27.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:06
di di Aldo Sofia

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita

Questa non è ‘l’America profonda’, pigra e spiccia definizione di un Paese enigmatico e contraddittorio; no, questa è ‘l’America che sprofonda’, mentre ci si ostina a definirla ‘la più grande democrazia del mondo’. Un Paese al quale la suprema autorità giuridica comunica (con sei voti contro tre) che per mezzo secolo le donne americane hanno avuto sì la libertà di abortire, ma che si è trattato di un equivoco, di tradimento della volontà dei padri fondatori, di un diritto esercitato violando la Costituzione.

Così, come nel selvaggio west, subito la corda per l’impiccagione viene lanciata sul ramo più adatto, la sentenza è immediatamente applicabile, quel diritto federale viene cancellato con un colpo di spugna; in futuro ogni Stato della Federazione legifererà a piacimento, perché così vuole l’ipocrisia di un sistema che all’interno della stessa nazione consente di fare qualcosa che è negata un metro più in là: non una cosa qualunque, ma l’esercizio di uno dei diritti individuali definito fra ‘i più importanti della modernità’, che si auto-determina sul corpo femminile. Libera scelta ottenuta con tribolate battaglie per l’emancipazione, e ora rispedita violentemente indietro di decenni, in un’era che si direbbe socialmente glaciale, che rievoca l’epoca in cui alla mancanza della legge sopperivano – anche nel ‘Paese nuova Gerusalemme in cima alla collina’ – i disastri e le morti per l’intervento delle mammane, dell’interruzione ‘fai da te’ della gravidanza, della clandestinità, della stigmatizzazione sociale più crudele.

Non sarà di nuovo così. O almeno si spera. Nella nazione lacerata da quest’altro strappo storico ci sarà comunque una parte d’America che promette di muoversi in parziale soccorso di donne – le più giovani, le meno abbienti, quelle delle minoranze, soprattutto afroamericane – che vorranno comunque continuare a esercitare il proprio diritto, affrontando viaggi scomodi, umilianti e costosi. Mentre i sondaggi dicono che la maggioranza della popolazione americana non approva il ‘golpe’ dei togati, quindi anche gli Stati a guida repubblicana non potranno non tenerne conto nella loro strategia di regole più restrittive, sostenute da un Grand Old Party che si addentra sempre più irresponsabilmente nel labirinto dello scontro istituzionale.

Strategia che non è affatto improvvisata. Addirittura, in questo caso, è stata a lungo e tenacemente perseguita. Dalla nuova destra ideologica di Goldwater ai ‘soldati cristiani’ di Reagan ai militanti della Christian Coalition che picchettavano i consultori, a volte anche sparando sui miscredenti. Fino a Donald Trump, che scelse tre nuovi giudici della Corte squilibrandola scientemente a favore della componente più reazionaria, difensori dell’‘originalismo’, per cui è il testo originale che va applicato: la Costituzione del 1787 non menziona l’aborto? allora non esiste! Proprio come il fanatismo islamico pretende il rispetto letterale della sharia. "È la volontà di Dio", ha sentenziato ‘imam’ Trump. Una mannaia pronta ora a polverizzare altri diritti sessuali, persino i matrimoni gay, addirittura l’uso di contraccettivi. La sentenza anti-abortista che ora infiamma l’America cade mentre si tenta di processare l’ex presidente che istigò la rivolta politica. Radicalismi incrociati. Guerra civile ideologica. Ma attenti a pensare che sia solo una storia americana.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aborto corte suprema sentenza usa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
5 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved