laRegione
calcio-femminile-a-maturazione-lenta
Keystone
laR
 
23.06.22 - 07:40
Aggiornamento: 19:08

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana

Il fatto che l’Associazione svizzera di football abbia deciso di equiparare per maschi e femmine i premi provenienti da Fifa e Uefa è senz’altro da inserire fra le buone notizie, ed è qualcosa che nel nostro Paese segna un punto preciso nella storia dello sport. Fa bene dunque a rallegrarsene Tatjana Hänni, numero uno del calcio femminile elvetico, che saluta la novità come un grande passo avanti. Ma ovviamente non si sta parlando di parità salariale, che nello sport pare ancora lontanissima. Affinché si realizzi, infatti, imprescindibile sarebbe la professionalizzazione delle calciatrici, requisito che manca e che sembra utopico anche a medio termine. In un mondo governato dal tornaconto economico, l’entità di qualsiasi salario si basa solo sulla capacità del lavoratore di generare ricavi. In parole povere, ti pago per quanto mi fai guadagnare. Nel caso del calcio, se la tua presenza fa riempire gli stadi, esplodere il merchandising e lievitare le entrate da sponsorizzazioni e diritti televisivi. In caso contrario, ti pago solo il minimo sindacale o addirittura meno, visto che spesso nemmeno esistono forme di tutela.

Il calcio professionistico è spettacolo, ambito dove è il pubblico a dettar legge. Uno è disposto a spendere soldi per cinema, teatro o qualsiasi altro show solo se è certo che la performance gli possa piacere. Se ha dei dubbi, opta per la pizzeria. Il calcio femminile, pur crescendo costantemente a livello di iscritte nei settori giovanili, come spettacolo continua a piacere poco: zero spettatori, diritti tv quasi nulli e sponsor latitanti. Le calciatrici, piaccia o meno, non sono ancora in grado di produrre guadagni per i club e gli organizzatori dei campionati. I quali, non occupandosi di beneficenza, non investono in un prodotto così rischioso.

Diverso è in altre realtà, come ad esempio gli Stati Uniti, dove certo sono maestri del marketing, ma soprattutto dove il soccer muliebre conta assai più che qui: la gente va alle partite e dunque gli sponsor mostrano più coraggio nella scelta dei testimonial. Da noi sono pochi gli ambiti dove c’è almeno un sentore di parità di trattamento. Pensiamo al tennis o allo sci alpino, dove i guadagni sono quasi identici per uomini e donne: ma in questo caso il gradimento mostrato dal pubblico è praticamente identico, che a competere siano maschi o femmine.

Se il problema è la qualità dello spettacolo offerto, dunque, bisogna fare di tutto affinché questa possa crescere, partendo ovviamente dalla base. Innegabile – e inaccettabile – è la differenza di trattamento di genere nei settori giovanili. Come evidenzia la stessa Tatjana Hänni, una ragazzina di 14 anni non gode certo delle stesse chance di crescita di cui beneficia un suo coetaneo maschio. Mancano formatori e mancano i campionati: dopo una certa età diventa difficile continuare a giocare, e molti talenti vengono persi per sempre. Lodevoli sono dunque le iniziative come quella presa dall’Asf, ma non bastano: giusto trattare in modo più dignitoso le attuali giocatrici, ma ancor più doveroso sarebbe destinare più risorse alla formazione, nella speranza che in futuro il livello cresca al punto da smuovere l’interesse di pubblico e sponsor. Alle calciatrici del presente vada casomai l’invito a farci ricredere. A luglio in Inghilterra ci sono gli Europei, vi parteciperà anche la Svizzera: un’occasione da sfruttare al meglio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calcio calcio femminile fifa parità salariale uefa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
12 ore
Conferenza di Lugano: ‘principi’ del domani e guerra di oggi
La Urc2022 si chiude con una ‘Dichiarazione’ che getta le basi del processo di ricostruzione dell’Ucraina. Il risultato non è da disprezzare
Commento
1 gior
Conferenza, assenza & resilienza
Una parola magica, tanti (troppi) Paesi che si sono defilati: resta la sensazione di un’incompiuta, anche perché non si capisce cosa accadrà in Ucraina
Commento
2 gior
L’Urc2022, Cassis e la Storia
C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
2 gior
Fedez e la Corte Suprema dentro di noi
Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
4 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
5 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
6 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
6 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
1 sett
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
© Regiopress, All rights reserved