laRegione
ha-vinto-solo-marine-le-pen
Keystone
Marine Le Pen ha ottimi motivi per sorridere
20.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 17:30
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi

Tanti sconfitti e una vincitrice. A poter pasteggiare a Champagne, troviamo solo Marine Le Pen. Le legislative francesi, che segnano una disfatta per il presidente Macron, le hanno tributato un successo imprevisto che ha disorientato analisti, politici e politologi. Nella 11esima circoscrizione del Pas-de-Calais la leader dell’estrema destra ha sbancato con un clamoroso 61% e il suo Rassemblement National raccoglie un numero di seggi del tutto insperato e all’ora in cui scriviamo verosimilmente superiore a quello della France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon. In cinque anni l’ex Fronte Nazionale passa da 8 a 85-90 seggi. Mélenchon con ‘Nupes’, la sua coalizione di sinistra (oltre alla France Insoumise, socialisti, ecologisti, comunisti), manca chiaramente l’obiettivo prefisso, la conquista della poltrona di primo ministro. La sinistra radicale raccoglie circa 150 seggi, molto lontano dai 289 necessari per conquistare la maggioranza parlamentare. In termini percentuali meno di un francese su tre ha votato per la sinistra.


Un poster elettorale di Macron nel suo quartier generale (Keystone)

La sconfitta del partito del presidente (‘Renaissance’) e della sua coalizione centrista (‘Ensemble’) crea uno scenario di grande instabilità in un panorama politico sfilacciato. ‘Ensemble’ è prima sul podio con 234 seggi, ma perde oltre 100 seggi e soprattutto non raggiunge la soglia della maggioranza all’Assemblea nazionale. Come dire che la governabilità vacilla, che entriamo in una legislatura complessa, dove la politica dovrà declinarsi sempre in termini di accordi e compromessi.

La disfatta della maggioranza uscente è il termometro di un diffuso malcontento, tradottosi con l’eliminazione di alcuni tenori del partito macronista (tra cui diversi ministri e il presidente dell’Assemblea nazionale), ascrivibile alle incertezze che la congiuntura ha creato tra la classe media e nei settori più deboli della società. Elisabeth Borne, la neoeletta premier, è eletta per il rotto della cuffia. Una pandemia senza precedenti e una guerra che scuote il continente hanno certamente contribuito a favorire le correnti sovraniste: non è un caso che Mélenchon e Le Pen condividano oltre a un malcelato putinismo, una visione euroscettica, protezionistica, nonché alcune proposte dal forte sapore demagogico sulle riforme del lavoro e sul regime pensionistico (abbassamento sostanziale dell’età della pensione in un paese dove da anni è già in vigore la settimana lavorativa di 35 ore).


Mélenchon ha ridato fiato alla sinistra (Keystone)

Quando la scelta del secondo turno era limitata al partito presidenziale e alla sinistra radicale, l’elettore dell’estrema destra ha optato maggioritariamente per quest’ultima. La globalizzazione, in cui la Francia come altre vecchie potenze occidentali deve far fronte alle sfide dei Paesi emergenti, ha penalizzato le aree rurali e periurbane, creando l’humus sul quale è fiorita la ribellione dei Gilets Jaunes. L’economia e le sue trasformazioni procedono a ritmo spedito mentre la politica in Francia, come altrove, deve rincorrere: Emmanuel Macron ha cercato di ovviare a questo scarto bypassando il parlamento con un decisionismo di stampo autoritario che non è stato gradito dall’elettorato. Le legislative lo obbligheranno a sfoderare l’arma delle alleanze e dei compromessi, che ha finora più o meno ignorato non senza una certa supponente spavalderia. La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: tre giovani su quattro non si sono recati ai seggi. Tra gli sconfitti delle legislative vi è senz’altro anche la democrazia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elezioni emmanuel macron francia jean-luc mélenchon marine le pen politica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
Commento
1 sett
Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto
Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei
© Regiopress, All rights reserved