laRegione
laR
 
13.06.22 - 05:15
Aggiornamento: 18:25

Monito a Macron dalla nuova ‘gauche’

Il presidente verso un pareggio che suona come una sconfitta. La sinistra rialza la testa in vista dei ballottaggi

di Aldo Sofia
monito-a-macron-dalla-nuova-gauche
Keystone
Jean-Luc Mélenchon ed Emmanuel Macron

Diceva de Gaulle che "governare significa pur sempre dover scegliere fra degli svantaggi", individuando per finire il meno problematico. Così, quasi sei decenni fa, deve essere stato anche per l’architettura istituzionale della Quinta Repubblica, ideata dal generale per superare la forte instabilità politica e il parlamentarismo esasperato, e dare il massimo di governabilità democratica al governo del Paese. Tutto semplice se oltre che al presidente, come è avvenuto per lungo tempo, gli elettori garantiscono la maggioranza parlamentare al partito che lo ha espresso. Maledettamente più complicato se l’inquilino dell’Eliseo quella maggioranza non ce l’ha e deve accettare una qualche forma di coabitazione.

Ed è proprio la prospettiva di perdere la maggioranza assoluta, dunque di doversi piegare al compromesso, che per Emmanuel Macron emerge dalle urne di ieri. Voto che sancisce un sostanziale pareggio fra lo schieramento centrista del rieletto capo dello Stato e l’inedita alleanza di sinistra Nupes (Nuova unione popolare sociale ed ecologista), alleanza arcobaleno, varata in una manciata di giorni, raccolta attorno a Jean-Luc Mélenchon, il tenore di un progressismo multiplo, polemico con Ue e Nato, che aveva seriamente insidiato il secondo posto della Le Pen al ballottaggio per le presidenziali, e che ambisce anche in futuro al ruolo di possibile catalizzatore di una ‘gauche’ ormai da rifondare, dopo l’azzeramento dello storico partito socialista.

Per il resto, poco rimane alla destra nazionalista di Marine Le Pen-Éric Zemmour, sopra il 40 per cento nella sfida finale per l’Eliseo ma penalizzata da un sistema elettorale che prima o poi dovrà subire un qualche aggiornamento, situazione non del tutto estranea al record di un astensionismo ormai largamente partito di maggioranza.


Manifesti elettorali a Biarritz (Keystone)

Per Macron è un severo monito. Il pari è decisamente una sconfitta. Il rivale Mélenchon aveva chiesto, e ancora chiede, una sorta di ‘terzo turno’ e un primato elettorale che, a suo giudizio, dovrebbe obbligare l’inquilino dell’Eliseo a nominarlo primo ministro, consegnandogli la guida del governo che Macron aveva messo proprio alla vigilia del voto nelle mani di Élisabeth Borne, già ministra del lavoro, profilo social-ecologista, evidentemente nel tentativo di disinnescare almeno in parte l’attrattività di Nupes e come segnale di possibile ravvedimento rispetto ai punti deboli del suo primo mandato (socialità e ambiente). Operazione non riuscita.

Ai ballottaggi di domenica prossima, Mélenchon ha infatti ancora la possibilità del sorpasso, insistendo su un programma che sembra un decalogo dei miracoli: salario minimo a 1’500 euro, 32 ore settimanali per i lavori usuranti, assegno ‘autonomia giovani’ di 1’063 euro dai 18 anni, pensionamento a 60, riduzione delle emissioni CO2 del 65 per cento.

Rimane dunque per il presidente il rischio di diventare "anatra zoppa". In cinque anni il suo schieramento (‘né di destra né di sinistra’) non è riuscito a consolidarsi, ad affrancarsi da una certa immagine di improvvisazione, rimanendo in parte prigioniero dell’impopolarità che comunque continua a gravare sul profilo presidenziale. Se domenica prossima Nupes dovesse diventare o confermarsi primo partito di Francia, a Macron rimarrebbero due strade: l’improbabile coabitazione con Mélenchon, o il calvario di un secondo mandato in cui cercare per ogni provvedimento il necessario sostegno per conseguire una maggioranza parlamentare, fra i post-gollisti o fra le diverse componenti dell’alleanza di sinistra. Esercizio d’alta diplomazia. Per un presidente più portato al decisionismo che al compromesso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
5 ore
A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza
L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr.
IL COMMENTO
2 gior
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
3 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
4 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
6 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 sett
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 sett
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
© Regiopress, All rights reserved