laRegione
il-cappio-di-putin
Keystone
07.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 14:13
di Aldo Sofia

Il cappio di Putin

L’Occidente ha accettato una sorta di monopolio da parte di Mosca e ne subisce oggi le conseguenze

Guai a umiliare Putin. Lo ha pubblicamente ribadito il rieletto presidente francese Emmanuel Macron. Con riferimento a un’eventuale sconfitta militare russa in Ucraina. Esito, in realtà, ancora assai ipotetico, visto come sta procedendo il conflitto: con la Russia che comunque ha già conquistato il controllo di un quinto del territorio del Paese invaso, che di questo passo annetterà la parte del Donbass che produce oltre il 40 per cento della ricchezza ucraina (materie prime e grandi agglomerati industriali), con la penisola di Crimea già acquisita manu militari otto anni fa, e a cui non manca molto per occupare le coste del Sud e impedire completamente a Kiev l’accesso ai mari (Azov e Nero), vitale per il futuro dell’economia ucraina. Se questa è la prospettiva finale – con il suo alto prezzo di vite umane, di città rase al suolo, di milioni di profughi espatriati – di quale umiliazione si sta parlando?

In realtà, la teoria della volontaria e accanita mortificazione della "Madre Russia", esercitata dall’Occidente dopo l’implosione dell’Unione Sovietica, è il comodo mantra a cui il neozar ha fatto spesso ricorso per giustificare la sua politica imperiale ed espansionistica. Disinvoltamente utilizzato a piene mani anche da chi, negli Stati Uniti e in Europa, e spesso nel fronte pacifista (spesso pro-putiniano a sua insaputa), ritiene che l’autocrate russo abbia avuto le sue ragioni rispondendo con un’aggressione alle provocazioni della Nato e della ‘decadente’ e ‘immorale’ democrazia dei nostri Paesi: colpevoli oltretutto di esercitare un ‘obsoleto’ modello liberale a cui il Cremlino contrappone i benefici dell’euro-asiatismo, su cui pretende di riedificare una parte del proprio impero.

L’assurdo è che la tesi della "Russia umiliata" continui a circolare anche di fronte all’odierna incontrovertibile realtà degli aspetti e delle conseguenze economiche della tragedia ucraina. Come si concilia infatti la presunta mortificazione dell’ex impero quando da questa parte del continente si è tutti col cappio al collo della ricchezza energetica russa? L’Europa si è legata mani e piedi all’importazione di gas e di petrolio russi, nonché di prodotti per e dell’agricoltura; certo anche per comodità e interesse, l’Occidente ha accettato una sorta di monopolio da parte di Mosca; ne subisce oggi le conseguenze, e l’affannosa ricerca di fonti e mercati alternativi; situazione che oltretutto ha favorito i ritardi della troppo lenta transizione energetica. Con la guerra il tutto è ancor più evidente, anche se per il Cremlino rischia di essere transitorio: nonostante un embargo per ora solo declamato, la Russia continua a incassare molto dalla vendita dei suoi idrocarburi: 800 milioni di franchi al giorno, con un aumento dell’8 per cento rispetto all’anno scorso.

Per un paio di decenni, un vantaggio reciproco. Semmai il problema è che Mosca ha utilizzato male le casse che ogni anno si riempivano di euro e dollari. La Russia di Putin – non diversificando abbastanza la propria economia – non sta meglio della Russia pre-Putin, salvo gli investimenti per il proprio esercito. In ‘Ucraina anno zero. Una guerra tra mondi’, lo storico dell’economia Giulio Sapelli la riassume così: "È diventa una nazione sottosviluppata che vive dell’esportazione di materie prime; per quanto riguarda le tecnologie dipende ormai completamente dall’estero; ed è indebolita da un’impressionante crisi demografica, che contribuisce ad aggravare il senso di accerchiamento e isolamento…". Quindi, altro che Russia umiliata dall’Occidente. Mortificata, semmai, dalla propria leadership. E dai suoi istinti imperiali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
putin russia russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
10 ore
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
© Regiopress, All rights reserved