laRegione
stelle-strisce-e-polvere-da-sparo
Robert De Niro in “Taxi Driver” (Wikimedia)
il commento
laR
 
01.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 08:30

Stelle, strisce e polvere da sparo

Gli Usa sono ostaggio della loro stessa autonarrazione: le stragi sono figlie di un modo di raccontarsi che deve cambiare quanto le leggi sulle armi

I filosofi tedeschi, che avevano un nome per tutto, lo chiamavano Volksgeist: è lo spirito di un popolo, di una nazione. Qualcosa che, come un fiume carsico, attraverserebbe sottopelle le generazioni garantendo continuità. Come se certi pregi e difetti fossero esclusivi o immutabili. La scusa perfetta per non cambiare mai. Questa esigenza di raccontarsi è anche un’arma a doppio taglio, carceriera e insieme prigioniera di un’autonarrazione pericolosa per sé stessi e per gli altri.

Gli Stati Uniti, non da oggi, sono ostaggio del proprio Volksgeist e di quell’immaginario legato alla "frontiera", che ha fatto l’America e disfatto gli americani. Dal secolo scorso in poi nessuno si è più autorappresentato di loro. Hanno elevato forme d’arte come il cinema con il solo scopo di descriversi, creare un’identità e poi rimandare quell’immagine di sé verso l’esterno, ingigantendola, amplificandola.

C’è un’innocua classifica Bbc dei 25 migliori film americani che ci dice molto degli Stati Uniti: in almeno la metà le armi sono protagoniste o decisive ai fini della sceneggiatura, in 20 su 25 ne compare almeno una. Che si veda un fucile ne "Il Padrino" o in "Sentieri selvaggi" non ci stupisce, anzi, ci stupiremmo del contrario. Ma una pistola fa capolino anche nella commedia "L’appartamento", in un musical come "Nashville" o in "Luci della città" di Charlie Chaplin. Le armi spuntano anche dove non te le aspetti, semplicemente perché fanno parte del contesto, come i lampioni, il caffè o le automobili.


Piccole croci per le vittime della strage di Uvalde (Keystone)

Alfred Hitchcock diceva che se vuoi fare un film di successo sulla Svizzera devi metterci le montagne e il cioccolato. È una questione di verosimiglianza: le renne stanno in Lapponia, i cammelli nel deserto, le armi negli Stati Uniti.

Ne "L’attimo fuggente", che è ambientato in un college del Vermont, e non è un western né un gangster movie, il giovane protagonista si toglie la vita con la pistola del padre, riposta in un comodino. Forrest Gump, che attraversa quasi inconsapevole il Novecento americano, si ritrova continuamente in mezzo alle armi, alle loro cause o alle loro conseguenze.

Nella classifica dei 25 film della Bbc c’è anche "Taxi Driver", un film del 1976 in cui il protagonista – interpretato da Robert De Niro – può incarnare ogni stragista venuto dopo di lui: è un uomo affetto da sindrome da stress post-traumatico, ha facilmente accesso alle armi, è spaventosamente solo. Un’enorme fetta d’America non ha mai smesso di specchiarsi rabbiosa come fa De Niro nel film, che urla a sé stesso e al mondo che lo ha rifiutato (e che lui, per primo, rifiuta): "Ehi, dici a me?"


Forrest Gump in Vietnam (Wikipedia)

Se la misura dei rapporti umani resta la rabbia repressa, trovare un’arma da rivolgere contro gli altri o contro di sé può sembrare la soluzione più semplice: polvere (da sparo) sei e polvere ritornerai. Semplice quanto idiota e disumano.

L’America deve togliere al più presto i fucili d’assalto dagli scaffali dei supermercati e limitare il potere della lobby delle armi? Certo. Ma altrettanto in fretta deve imparare a raccontarsi in un altro modo. Il Volksgeist non è un monolite e lo spirito di un popolo è in continuo movimento. L’America forse è già meglio di quel che crede di essere, ma non lo sa, non se n’è accorta, non avendo ancora trovato le parole per dirselo.


Un negozio di armi a New Castle, in Pennsylvania (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
america armi joe biden stati uniti uvalde
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
2 ore
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
2 ore
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
2 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
4 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
5 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
6 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
© Regiopress, All rights reserved