laRegione
putin-e-l-effetto-boomerang
Manifesti anti-Putin a Varsavia (Keystone)
laR
 
25.05.22 - 05:25
Aggiornamento: 18:43
di Giuseppe D’Amato

Putin e l’effetto boomerang

Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

No ad armamenti pesanti ai confini della Russia. Questa è la linea guida principale, ribadita da Mosca all’Occidente nelle ultime ore. L’indicazione è rivolta alla Scandinavia, dove il Cremlino si è ormai fatto una ragione per la perdita della sua "zona cuscinetto" e nel vederla aderire all’Alleanza atlantica. Da qui la "luce verde" di Vladimir Putin all’entrata nella Nato di Finlandia e Svezia.

I due Paesi, del resto, da anni partecipano stabilmente alle esercitazioni dell’organizzazione di difesa collettiva occidentale, e le loro Forze armate sono con essa ben integrate. Per Mosca non cambia nulla o quasi, anche se i militari federali hanno appena ricevuto l’ordine di ridistribuirsi sul territorio europeo, creando nuove basi e formando 12 unità specializzate, entro la fine del 2022, per meglio presidiare 1’340 chilometri della inospitale linea di demarcazione russo-finnica.

Ma nel Vecchio continente la Russia confina già con la Norvegia e con l’Estonia, Paesi membri dell’Alleanza atlantica. Se la prima frontiera – lunga 195 chilometri – è nel remoto e profondo Artico; la seconda, nel Baltico, si trova soltanto a un centinaio di chilometri di distanza da San Pietroburgo. La base dei paracadutisti a Pskov serve al Cremlino a proteggersi da un ipotetico attacco.

L’esterno del quartier generale della Nato a Bruxelles (Keystone)

In Estonia, però, non vi sono armamenti pesanti della Nato che, di fatto, non li ha mai portati oltre la linea dell’Oder, in Germania. In pratica, sotto questo aspetto è tutto fermo alla riunione tedesca successiva al crollo del Muro di Berlino, anche se nel 2022 era previsto di insediare due stazioni missilistiche Nato in Romania e in Polonia nel quadro del cosiddetto "scudo di difesa" contro lanci isolati di Paesi terzi – leggasi Iran – verso gli Stati Uniti.

Dopo lo scoppio della "guerra ibrida" contro l’Ucraina nel 2014, le tre repubbliche baltiche e la Polonia hanno preteso dagli alleati la costituzione di una "forza leggera" comune sui loro territori in maniera che se Mosca l’avesse scatenata contro di loro avrebbe di fatto attaccato tutta la Nato. Stiamo parlando di un migliaio di uomini di più Paesi con delle autoblindo e armamento leggero.

Come al solito, quando si entra nel dettaglio, uscendo dai perenni discorsi elementari e grezzi (ma incredibilmente efficaci) della propaganda ultranazionalista dei canali televisivi federali, cade tutta l’impalcatura di frottole costruita.

La bandiera dell’Ue e quella della Nato (Keystone)

Diversa è oggi la situazione in Ucraina, dove – dopo la consegna da parte occidentale di armi leggere anti-tank e anti-aeree tra gennaio e febbraio ’22 –, stanno ora arrivando armi pesanti. Su tutto: artiglieria Usa (con una gittata maggiore di quella russa) e carri armati. In sostanza, Kiev sarà presto in grado di attaccare e riprendersi le regioni perse.

Da quanto appena qui esposto e dalla impossibilità di avere una posizione diversa sull’adesione di Helsinki e Stoccolma si comprende il gravissimo passo falso geopolitico e geostrategico, compiuto da Putin. Prima dell’inizio della "Operazione speciale" non vi erano armi pesanti occidentali in Ucraina, accusata di voler aderire alla Nato, argomento tuttavia non presente nell’agenda dell’Alleanza atlantica. Adesso sì. Davvero un bel boomerang.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
2 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
3 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
3 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
5 gior
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
6 gior
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett
A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)
Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett
M5S, la diversità di essere uguali
Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett
Le conseguenze della guerra
Commento
1 sett
Magistratura, se la politica non fa i compiti
Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
© Regiopress, All rights reserved