laRegione
e-tornato-il-wef-di-lotta-e-di-governo
Keystone
Il padrone di casa Klaus Schwab ha accolto virtualmente Volodymyr Zelensky
laR
 
24.05.22 - 05:30
Aggiornamento: 14:31

È tornato il Wef di lotta e di governo

Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Dopo due anni di quasi assenza – in realtà si è tenuto rigorosamente in modalità virtuale a causa della pandemia – il Wef di Davos è tornato in presenza e per giunta in un periodo dell’anno anomalo. Sinceramente non si è sentita la mancanza di un evento che – a torto o almeno con troppa enfasi – viene considerato come la summa del capitalismo contemporaneo. In realtà i ‘davosiani’ in questi cinque decenni di esistenza del Forum hanno toccato, in modo smaccatamente camaleontico, i temi più vari: dall’ecologia, alle disparità sociali. Ma sempre utilizzando formule più o meno sfumate in modo da farci stare di tutto e di più e non prendere mai veramente posizione o solo per procrastinare un sistema di produzione e consumo che – per usare le parole del suo fondatore Klaus Schwab – "produce crisi, instabilità sociale e politica e va riformato prima che sia troppo tardi". Quelle riforme le stiamo ancora aspettando. Sempre Schwab, nel gennaio 2020 all’alba della pandemia, aveva riconosciuto che "oggi il pendolo della storia va nella direzione contraria rispetto a quella preconizzata anni fa dalla globalizzazione dei mercati". "Il neoliberismo estremo e la spinta ai massimi profitti producono un abisso, ed è questo abisso tra i ricchi e i poveri che determina nella popolazione un evidente senso di mancanza di giustizia sociale, accentuata dal boom dei social media". Traduzione: "Attenzione a non esagerare perché gli eccessi del sistema hanno prodotto il populismo". Frasi che solo qualche anno prima potevano essere attribuite a un leader ‘no-global’. E invece no, sono state pronunciate a Davos davanti a una folta platea pagante di quella che si definisce élite globale, espressione proprio di quel capitalismo che a parole si vuole riformare. E davanti a quella platea hanno parlato – invitati e applauditi – molti leader del momento: dalla giovane attivista per il clima Greta Thunberg a Donald Trump, passando per Xi Jinping. Vladimir Putin, ora bandito assieme a tutti i russi in ossequio alle sanzioni, parlò in videoconferenza l’anno scorso. Quest’anno l’ospite d’onore – sempre via video – è stato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Il tema che da ieri e fino a venerdì i delegati che accorreranno a Davos affronteranno è: "La storia a un punto di svolta: politiche governative e strategie di business". Anche in questo caso si tratta di un coperchio per tutte le pentole: dalle modalità per uscire definitivamente da una crisi sanitaria che ha fatto emergere i limiti di una globalizzazione dei mercati troppo spinta, alla situazione bellica in Ucraina che di quella globalizzazione potrebbe essere il punto finale. Il quadro attuale è infatti inquietante e composto da una guerra di aggressione in Europa da parte della Russia che riporta il calendario della storia a più di 80 anni fa, una crisi energetica senza precedenti con i governi alle prese con un rallentamento della transizione verde che ha rilanciato con orrore carbone e nucleare, una globalizzazione di fatto distrutta e un clima di contrapposizione fra grandi potenze come Stati Uniti, Cina e Russia che somiglia tanto a una riedizione della guerra fredda. A questo si aggiunge un’inflazione in alcune economie galoppante, che non si vedeva da parecchi decenni. Difficilmente il mondo e gli equilibri geopolitici che troveremo a guerra finita – sperando che termini presto e senza ulteriori pericolose escalation – saranno quelli del 23 febbraio scorso. E soprattutto difficilmente questi problemi, come quelli sollevati nelle 50 edizioni precedenti, troveranno una soluzione a Davos.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davos wef
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
2 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
3 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
3 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
5 gior
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
6 gior
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett
A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)
Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett
M5S, la diversità di essere uguali
Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett
Le conseguenze della guerra
Commento
1 sett
Magistratura, se la politica non fa i compiti
Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
© Regiopress, All rights reserved